Come di consuetudine a giugno dovranno essere rispettate alcune scadenze fiscali, la più importante riguarda il pagamento della prima rata di imu e Tasi: questa scadenza ha validità nazionale. Per quanto riguarda la procedura per il calcolo di Imu e Tasi, bisognerà avvalersi delle regole che sono state fissate nel 2014 e quindi si prende come base di partenza il valore della rendita catastale rivalutandola del 5%, ottenuto il risultato lo si dovrà moltiplicare per il coefficiente fissato per il vostro immobile al quale infine dovrà essere applicata l'aliquota fissata dal comune di residenza per Imu e Tasi. Per il calcolo della Tasi andranno infine sottratte le detrazioni previste dal comune di residenza.

Vi ricordiamo che non in tutti i comuni sono state stabilite le aliquote Imu e Tasi 2015, quindi se questo riguarda anche il vostro comune di residenza bisognerà applicare le aliquote fissate per il 2014. Per quanto riguarda l'Imu è doveroso ricordare che ne sono esenti dal pagamento le prime case, quindi quelle in cui il proprietario ha la residenza, terreni agricoli per imprenditori agricoli e coltivatori diretti o per tutti i terreni che si trovano in comuni montani.

Invece la Tasi si paga su tutti gli immobili indistintamente ed andrà a gravare sui portafogli degli inquilini (in caso di immobile in affitto) in una percentuale variabile tra il 10 e il 30% del totale da versare. Quali sono invece i metodi di pagamento per Imu e Tasi? Anche qui non ci sono state modifiche rispetto al 2014: Imu che Tasi infatti potranno essere pagate o attraverso il modello F24 o con bollettino postale, scegliendo l'F24 bisognerà inserire il codice tributo nella "Sezione Imu e altri tributi locali" nello spazio corrispondente alle somme indicate in "importi a debito versati", inserire il codice catastale del comune in cui sono collocati gli immobili nella sezione Codice ente/Codice comune, il numero degli immobili posseduti, infine nella sezione "Acc" la tipologia di pagamento scelta.

I migliori video del giorno

Vi ricordiamo infine che la scadenza per il pagamento dell'acconto di Imu e Tasi è prevista per il 16 giugno, invece il pagamento del saldo è fissato per il mese di dicembre.