La scadenza della prima rata di acconto dell'Imu e della Tasi è fissata per giorno 16 giugno 2015; i contribuenti italiani sono, come al solito, alle prese con il dilemma di quanto pagare d'imposte sulla casa per l'anno 2015. A dispetto di quanto annunciato in tema di semplificazioni fiscali e di facilitazioni di pagamento per i contribuenti, che dovevano ricevere a casa i bollettini con gli importi già precompilati, anche per quest'anno ci si dovrà rivolgere ai Caf o ai professionisti oppure cimentarsi da soli nella compilazione dei modelli F24 per calcolare quanto dovuto, cercando di reperire le aliquote e le detrazioni stabilite per l'anno 2015.

L'unica "semplificazione" è rappresentata dalla possibilità di pagare la prima rata di acconto per imu e Tasi 2015 utilizzando le aliquote stabilite dai comuni per l'anno 2014.

Pagamento di Imu e Tasi 2015 in compensazione con il credito del 730/2015

Aldilà dell'utilizzo di aliquote e detrazioni dell'anno precedente, resta il fatto che l'importo da versare, tra il primo acconto e il saldo dovuto entro il 16 dicembre 2015, sarà sicuramente superiore a quello dell'anno precedente, così come risulta chiaramente dalle prime delibere pubblicate da quei comuni che hanno già deciso le aliquote da applicare per il 2015.

Esiste però (per i contribuenti che presentano un credito nella propria dichiarazione dei redditi) un metodo per pagare Imu e Tasi 2015 senza dover materialmente attingere al proprio conto corrente o ai propri depositi.

I migliori video del giorno

La legge di stabilità 2014 ha introdotto infatti la possibilità di utilizzare il credito risultante dal proprio modello 730 per pagare non solo l'Imu ma anche la Tasi e la Tari (ed altri tributi) mediante l'istituto della compensazione. I contribuenti che presentano un credito d'imposta nel proprio modello 730 per il 2015 possono compilare il quadro I- imposte da compensare scegliendo se utilizzare l'intero importo a credito in compensazione oppure indicando l'importo che si desidera compensare.

Per utilizzare il credito in compensazione sarà necessario presentare il modello F24 (anche se a zero) utilizzando il codice tributo 4001 anno 2014. L'unica difficoltà è rappresentata dal fatto che dal 1 ottobre 2014 per poter procedere al pagamento del modello F24, in caso di utilizzo di compensazioni, ci si dovrà avvalere esclusivamente del servizio telematico.