La nostra tessera sanitaria sta per finire nel dimenticatoio. Con l'entrata in vigore della nuova normativa, prevista dall'#Unione Europea, metteremo in soffitta la nostra attuale tessera sanitaria per fare spazio ad un numero unico che sostituirà l'attuale codice fiscale e sarà valido per ogni Paese dell'UE. Una scelta che si è resa necessaria per unificare questo documento nel tentativo di migliorare la lotta all'#Evasione Fiscale.

Ecco cosa cambierà

Come sappiano, oggi la nostra tessera sanitaria ha un valore molto importante, soprattutto ai fini fiscali. E' formata da un codice alfanumerico che permette di identificare in maniera univoca i dati del singolo contribuente e delle associazioni.

Proprio da queste esigenze è nata la necessità da parte di Bruxelles di unificare questo documento per garantire con la massima facilità lo scambio di dati tra i Paesi membri. L'obiettivo del Parlamento Europeo è di inasprire le regole per diminuire l'evasione fiscale e combattere così i paradisi fiscali. Il nuovo documento, che presto impareremo a conoscere, si chiamerà: “Tin” e starà ad indicare il nuovo codice fiscale armonizzato.

L'unificazione dell'Unione Europea

Il documento fiscale unico rappresenta un importante passo in avanti nel processo di aggregazione dei 28 Paesi membri. Fin dalle sue origini, l'Unione Europea non è mai stata capace di creare una politica economica e fiscale comune. In questo momento l'istituzione sovranazionale non ha alcuna possibilità di incidere nelle scelte politiche dei governi nazionali.

I migliori video del giorno

Bruxelles svolge soltanto un ruolo di controllo e di garanzia delle politiche adottate dai singoli Stati membri. Ecco perché la nascita del documento unico in materia fiscale può essere di grande importanza per i cittadini europei. In questo momento, in un mercato internazionale, l'Unione Europea ha la necessità di creare una politica fiscale, economica e militare comune. Garantire un'unica forma di controllo e cercare di eliminare le differenze tra i singoli stati è il primo passo verso un unione reale e non solo monetaria.