La rottamazione di #Equitalia andrà a riguardare anche le #multe stradali, ed in particolar modo verranno rottamati anche gli interessi di mora e le e sanzioni. In questa maniera, chi ha commesso un'infrazione al codice della strada potrà vedere cancellate le somme aggiuntive dal suo debito, aderendo a questa procedura preparata dal #Governo.

Ecco come funzione la rottamazione

Come abbiamo detto, nella rottamazione dei ruoli di Equitalia prevista dal governo rientrano anche gli interessi e le sanzioni per le multe emanate dai comuni e dalle province. In questo caso, il contribuente potrà procedere al pagamento solo dell'importo della multa, senza i costi aggiuntivi.

Per poter usufruire di questa opportunità il contribuente dovrà effettuare due verifiche fondamentali: la prima è controllare se il Comune, l'ente che ha emesso la sanzione amministrativa, ha deciso di aderire alla sanatoria, mentre la seconda è controllare che la multa a cui si sta facendo riferimento è stata emanata nel periodo tra il 2000 ed il 2015, infatti il provvedimento funzionerà solo per questo periodo.

Come è possibile accedere alla sanatoria

Come fa notare il portale di informazione giuridica La legge per tutti, per aderire alla sanatoria il contribuente dovrà inviare all'ente di riscossione, un'istanza entro 90 giorni dall'entrata in vigore della procedura. I pagamenti potranno essere effettuati in due modi: mediante un unica soluzione, oppure attraverso il pagamento di tre rate.

I migliori video del giorno

Se però, si dovesse saltare una sola rata di pagamento, a quel punto si perderebbe questa opportunità. Inoltre, chi aderirà alla sanatoria, non potrà essere vittima da parte dell'ente di riscossione di eventuali fermi amministrativi, di ipoteche, di procedure di pignoramento.

È possibile procedere al pagamento delle cartelle con la sanatoria attraverso la domiciliazione bancaria, i bollettini da inviare ad Equitalia, direttamente allo sportello. Per restare sempre aggiornati con le ultime notizie premi il tasto segui che trovi in alto a destra accanto al nome dell'autore di questo articolo.