Rivoluzione nel mondo delle tasse da questa settimana, dalle ultime modifiche approvate, il 2017 ci riserverà importanti novità per quanto riguarda le scadenze e i vari adempimenti fiscali. Vediamo quali sono e cosa fare al riguardo.

Fine del Tax Day

Il fisco ha posto fine al cosiddetto Tax Day, quella data in cui si concentravano molti adempimenti fiscali in un giorno solo. Da qualche anno a questa parte le varie scadenze erano fissate nel periodo di giugno, in particolare il 16 (ma veniva quasi sempre prorogato al 7 luglio) e quindi dal prossimo anno avremo delle proroghe in maniera strutturale delle varie scadenze. In particolare verranno spostate le date dei versamenti dovuti alla dichiarazione del modello unico, del modello 730, certificazione unica e Spesometro.

Vediamo i cambiamenti.

  • Versamento imposte (Irpef, Ires, Irap): le imposte sui redditi che fino a quest'anno avevano come scadenza il 16 giugno saranno spostate al 30 giugno. Questo spostamento riguarda sia per le persone fisiche e le società di persone, sia per le società di capitali che hanno l'esercizio coincidente con il periodo d'imposta.
  • Certificazione Unica (ex modello cud): Attualmente la dichiarazione aveva come scadenza di presentazione il 28 febbraio. Adesso il giorno della consegna ultima è slittato definitivamente al 31 marzo.
  • Dichiarazione Redditi modello 730: la scadenza precedente per la trasmissione telematica era il 7 luglio, adesso sarà il 23 luglio, anche i professionisti e i Caf abilitati potranno usufruire di questa nuova scadenza a patto che però abbiano già trasmesso l'80% delle dichiarazioni entro la vecchia data.
  • Sospensione Estiva: sia per quanto riguarda dichiarazioni che per versamenti, il Fisco da quest'anno prevede una sospensione continuativa dal 1 agosto al 4 settembre.

Spesometro semestrale e IVA trimestrali

Un discorso a parte riguarda invece l'IVA trimestrale e lo Spesometro.

I migliori video del giorno

Sono avvenuti dei cambiamenti, ma ancora non abbiamo conferme in legge poiché l'attività parlamentare è bloccata dall'evento politico dell'anno, il referendum costituzionale del 4 dicembre; pertanto, orientativamente, consideriamo i seguenti dati come probabili ma non certi.

  • Per le IVA trimestrali, il secondo trimestre non avrà più scadenza il 31 agosto ma il 16 settembre (vedi sospensione estiva);
  • Per il primo anno, lo spesometro non sarà trimestrale bensì semestrale, la cui scadenza è fissata per il 25 luglio 2017;
  • Il regime sanzionatorio viene completamente rivisto e almeno fino ad ora, nonostante polemiche e dibattiti, il cosiddetto "condono" delle cartelle dovrebbe essere attuato.

Per altre novità tenetevi aggiornati con la pagina delle news del sito dell'Agenzia delle Entrate, di Equitalia (o Riscossione Sicilia) e il sito del Governo.