Arriva direttamente dal sito di Federconsumatori il nuovo avviso con il quale l'associazione ricorda la scadenza di oggi al fine di evitare l'addebito del #Canone Rai in bolletta nel 2017, qualora si posseggano i requisiti per ottenere l'esenzione. La data da non superare suggerita dalla stessa Agenzia delle Entrate resta infatti quella del 20/12, una soglia stimata in virtù del fatto che durante il mese di gennaio il proprio ente di gestione dell'energia elettrica provvederà a fatturare nella bolletta di inizio anno la prima rata del nuovo canone. Vediamo insieme come evitare addebiti impropri all'interno del nostro nuovo articolo di approfondimento.

TV pubblica: come funziona la dichiarazione di non detenzione dell'apparecchio televisivo

Partiamo dal presupposto utile per poter ottenere l'esenzione, ovvero la non detenzione dell'apparecchio televisivo. In questo caso sarà necessario compilare e inviare una dichiarazione di non detenzione, reperendo l'apposito modulo scaricabile direttamente dal sito dell'Ade. Lo stesso dovrà quindi essere debitamente compilato, firmato e inviato per raccomandata unitamente alla copia di un documento all'indirizzo dell'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate di Torino. Chi non volesse procedere in autonomia può rivolgersi in alternativa ad un Caf, che provvederà ad inviare la documentazione per conto del cliente. In quest'ultimo caso c'è tempo fino alla fine del mese. Stessa scadenza anche per coloro che hanno le credenziali di riconoscimento e accesso al sito dell'Ade per via telematica e vogliono presentare online la propria dichiarazione di esenzione, agendo in autonomia.

I migliori video del giorno

Cosa succede se si invia la dichiarazioni in ritardo

Qualora non si dovessero rispettare le scadenze indicate, vi è il rischio di trovare un addebito improprio nella propria bolletta elettrica di gennaio 2017. In tal caso, sarà comunque possibile presentare il modello entro la scadenza del 31/01 del nuovo anno. Si eviterà quindi l'applicazione di nuovi addebiti e si potrà richiedere il rimborso del pagamento relativo alla rata di gennaio.

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere le prossime notizie su scadenze fiscali e bandi pubblici potete utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo. #fisco #Televisione