La Legge di Bilancio, approvata a fine 2016, ha previsto al suo interno tutta una serie di misure e sostegni economici [VIDEO] volti ad aiutare le mamme e le famiglie in generale che sono in attesa di un bebè nel 2017. Gli aiuti in questione si rivolgono a mamme lavoratrici, mamme in attesa e neo mamme che, a partire da quest'anno, potranno presentare richiesta presso gli uffici INPS.

Come confermato dalle ultime notizie, tuttavia, tempi e requisiti relativi alla fruizione dei bonus e alla modalità di presentazione delle domande non sono stati ancora del tutto confermati, e questo poiché gli stessi dipendono dall'approvazione della Manovra Economica da parte dagli organi europei.

Per quanto riguarda in particolare il Bonus mamme domani, quello che noi sappiamo oggi, che è previsto nel testo attuale, è che:

  • il bonus verrà erogato dallo Stato nell'anno 2017;
  • l'assegno erogato in un'unica soluzione sarà pari a 800€;
  • uno degli emendamenti di modifica della Legge di Bilancio 2017, in esame alle Camere, potrebbe introdurre, se approvato, il limite reddituale - inizialmente non previsto - pari a 13 mila euro.

Il bonus mamme domani 2017 si inserisce all'interno di un quadro politico chiaro, avente come obiettivo primo quello di dare il via a politiche di sostegno familiare volte a tutelare la famiglie e le mamme in particolare. Come ha dichiarato il ministro Enrico Costa, l'importo erogato potrà essere usato per sostenere le prime spese legate all'arrivo del nascituro, quali spese mediche o quelle destinate al mantenimento stesso del bebè.

I migliori video del giorno

Per questo motivo, essendo delle uscite e dei costi che la famiglia deve sostenere anche (e soprattutto) prima della nascita, la domanda potrà essere presentata a partire dal settimo mese di gravidanza e tramite portale INPS.

A tal proposito, proprio in queste settimane verranno rilasciate le comunicazioni ufficiali relative all'invio della domanda. Gli interventi da mettere a punto in queste settimane, inoltre, riguarderanno anche altre agevolazioni, quali il Bonus Bebè e il Bonus Asilo Nido, anche questi ultimi destinati alle famiglie che, attraverso il contributo economico percepito, potranno far fronte alle diverse spese sostenute prima, durante e dopo la gravidanza.