Duffy, la cantante britannica che ha trionfato nel 2008 con la canzone "Mercy", entrando di fatto, nella storia della Musica, martedì ha pubblicato una fotografia sul suo profilo Instagram dopo aver trascorso diversi anni in anonimato e senza raccontarne le ragioni. "Sono stata tenuta prigioniera per diversi giorni, stuprata e drogata", afferma Duffy nel testo che accompagna la sua immagine sul post.

Duffy: 'Tenuta prigioniera per diversi giorni, sono stata violentata e drogata'

"Un giornalista mi ha contattato, ha trovato il modo di comunicare con me e le ho raccontato tutto l'estate scorsa. Era gentile e mi è sembrato incredibile poterne finalmente parlare.

La verità è che, confidando di stare bene e al sicuro, sono stata tenuta prigioniera per diversi giorni, violentata e drogata" ha detto l'autrice dell'acclamato album Rockferry.

Secondo la star britannica, nata in Galles, a Bangor, il 23 giugno 1984 "il recupero ha richiesto tempo", ma "non vi è alcun modo di sapere se è realmente finita". Sebbene la cantante non abbia specificato quando o dove si è verificato il rapimento, o se il colpevole è detenuto, ha affermato che è "eccitante e terapeutico" condividere la sua esperienza. "Molti si sono chiesti cosa mi è successo, se mi ero persa e perché", ha ammesso nel suo post.

Album d'esordio e subito Grammy nel 2008

La verità è che Duffy spazzò il mondo della musica quando nel 2008 pubblicò il suo primo album Rockferry, che conteneva il successo Mercy e ricevette critiche assolutamente positive, (è stato l'album più venduto nel Regno Unito e il quarto al mondo nel 2008, vincitore del Grammy Award e di tre BRIT Awards nello stesso anno) tanto da far paragonare l'artista britannica ad icone contemporanee come Adele e Amy Winehouse.

Dopo un secondo album presentato nel 2010, Endlessly, che non ha raccolto il successo atteso, l'artista si è ritirata dalla vita pubblica per tutto il decennio, apparendo solo come attrice non protagonista in un film Legend, regia di Brian Helgeland del 2015.

Vi racconterò tutto molto presto ma ho bisogno del vostro sostegno

"Posso contare negli ultimi dieci anni i migliaia e migliaia di giorni in cui ho promesso di voler portare di nuovo la luce del sole nel mio cuore.

Il sole splende ora", ha scritto Duffy nel suo post. "Ho deciso di non usare il canto per esprimere il mio dolore. Non ho intenzione di mostrare a tutto il mondo la tristezza nei miei occhi" ha spiegato. "Come posso cantare dal cuore se è rotto? "Vorrei, se posso" nelle prossime settimane pubblicherà una dichiarazione in cui fornirà maggiori dettagli su ciò che è accaduto e rispondere a tutte le domande, ha promesso Duffy.

"Rispettate però questo momento personale. Vorrei evitare intrusioni nella mia famiglia. Per favore, ho bisogno di sostegno per rendere questa esperienza positiva."

Segui la pagina Gossip
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!