Gianluigi Buffon e Alberto Gilardino. C'è la loro firma sul successo dell'Italia di ieri sera contro la Bulgaria, vittoria che proietta sempre di più il gruppo di Cesare Prandelli verso il Mondiale del Brasile. Un gol dell'attaccante del Genoa, in grande spolvero in questo periodo (già a segno in campionato contro al Fiorentina), e due grandissimi interventi del capitano azzurro e della Juventus, hanno consentito agli azzurri di portare a casa tre punti che pesano come macigni.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Vittoria firmata da due "vecchi", due reduci dalla vittoria iridata in Germania nel 2006 che, a sette anni di distanza, si caricano sulle spalle il peso di un gruppo intento a cambiare pelle con il ricambio generazionale attuato da Cesare Prandelli.

Nel mentre si aspetta che i vari Insigne e Candreva facciano il definitivo salto di qualità, ci pensano i veterani a risolvere la situazione.

E c'è chi diceva che il numero uno della Nazionale faceva bene a prendersi le sue responsabilità e fare un passo indietro. Idem per l'attaccante di Biella, troppo presto dimenticato dal calcio che conta, che nell'ultima stagione a Bologna ha vissuto una seconda giovinezza, segnando ben 13 gol in 36 gare di campionato.

Il merito del successo contro i bulgari è perciò tutto loro e anche di un'Italia di carattere, brava nel soffrire e nel non andare sotto contro un avversario rognoso e mai domo. Ora si guarda perciò avanti alla sfida contro la Repubblica Ceca, con l'obiettivo di staccare il biglietto per il Mondiale del Brasile in maniera definitiva.

I migliori video del giorno