Sono ore decisive quelle di Massimiliano Allegri sulla panchina del Milan, potrebbe arrivare il cambio di rotta della società rossonera che potrebbe già guardare al futuro con un ricambio interno scegliendo Filippo Inzaghi. Lo scarso rendimento di Balotelli, le difficoltà in Champions League e il pareggio contro il Chievo Verona hanno complicato la situazione che sembrava stabilizzata dopo l'incontro ad Arcore tra Adriano Galliani e il Presidente Silvio Berlusconi.

Allegri attende trepidante novità a casa sua anche se certamente un verdetto dovrà essere espresso tra questa serata e domani perché mercoledì la squadra riprenderà gli allenamenti e dovrà farlo con la massima serenità possibile.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

Sabato alle ore 18,30 ci sarà un'amichevole importante contro lo Young Boys a Berna e i dubbi su chi potrebbe essere l'allenatore in quella data sono ancora tanti.

Una corrente parla di una forte volontà di concludere il campionato con Allegri attendendo anche l'arrivo di Rami e Honda, altri invece parlano di una nostalgica idea di portare Filippo Inzaghi in prima linea.

Nelle scorse settimane si è fatto caldo anche il nome di Clarence Seedorf ma nelle ultime ore si è fatto avanti anche il nome di Andrij Shevchenko, bomber che ha lasciato il segno in casa rossonera.

Certo è che, anche se si dovesse procedere con Allegri, il clima non sarebbe dei migliori e l'atmosfera non potrebbe essere definita serena, ogni minimo errore del tecnico livornese potrebbe trasformarsi in un fuoco già ben alimentato. Per alcuni aspetti si sta ripresentando la situazione che lo scorso anno rese interessante il campionato di Allegri portandolo poi a una serie importantissima di successi nella seconda parte della stagione, stavolta però, Natale è ancora lontano e Allegri ha tutta la voglia di arrivare a gustarsi il suo panettone rossonero.