Milan- Fiorentina sarà senz'altro uno dei match di cartello di questa undicesima giornata del campionato di Serie A. La partita, in anticipo, si giocherà sabato sera alle 20.45 e metterà di fronte due squadre che avrebbero entrambe bisogno di un successo. Il Milan, fischiato dai propri tifosi dopo il pari casalingo con la Lazio, punta a stendere i viola di Montella, ancora arrabbiati per il rigore non concesso contro il Napoli e il rosso a Cuadrado, squalificato.

La lista degli assenti in casa Milan è sempre lunga: anche De Sciglio si è fermato e non è stato nemmeno convocato da Allegri.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

E allora scelte quasi obbligate per il tecnico, che manderà in campo un 4-3-2-1. Confermato Gabriel in porta, Zaccardo farà ancora coppia con Zapata al centro della difesa. A centrocampo con Montolivo e De Jong giocherà ancora Muntari.

Birsa e il ritrovato Kakà, tra i più in forma dei rossoneri, saranno alle spalle o al fianco, è indifferente, di Mario Balotelli.

Anche la Fiorentina in quanto ad assenze non se la passa meglio. Montella non potrà contare su uno dei suoi giocatori più in forma, ovvero Cuadrado. Inutile ogni ricorso, il giocatore colombiano non sarà della sfida. In porta giocherà Neto, in difesa torna Rodriguez che sarà affiancato da Savic e da un Roncaglia apparso rigenerato nelle ultime uscite. A centrocampo Joaquin e Pasqual sulle corsie esterne, l'ex Ambrosini in mezzo al campo per dare sostanza alla mediana e per concedere qualche libera uscita in più in attacco a Borja Valero. Proprio in avanti l'unico sicuro del posto è ovviamente Giuseppe Rossi. Come suo partner Montella potrebbe dare una chance sin dal primo minuto ad uno tra Vecino e Matos, due giovani di grande qualità.

I migliori video del giorno

Quello tra Milan e Fiorentina sarà un incontro nel quale nessuna delle due vorrà perdere. Ragion per cui, complici anche le assenze, ci aspettano novanta minuti molto equilibrati. Riuscirà a vincere chi sbaglierà di meno, magari con una giocata singola dei propri assi. E il Milan in questo momento ha un Kakà in più. Il brasiliano, rinfrancato dal gol segnato alla Lazio, potrebbe fare la differenza.