L'Inter secondo - Tuttosport - starebbe pensando di fare spese già nel mercato di gennaio. Il reparto da migliorare è il centrocampo, troppo abulico nel creare il divenire del gioco. All'Olimpico tante sono state le prestazioni negative. Coinvolto maggiormente nella difatta è proprio il baricentro. Medel, Guarin, M'Vila e Obi hanno messo in luce le vulnerabilità di un reparto ancora allo stato brado. Piero Ausilio è già sulle tracce di un uomo che sia in grado di risollevare la squadra dalle rovine di un gioco che non esiste ancora. Obi e Kovacic sono ancora troppo giovani per porsi il problema. Medel e Guarin non sono poi cosi tanto giovani, ma ad oggi non hanno brillato ancora. Troppo confusi e disorientati in mezzo al campo. Il primo nome che circola cosi è quello di Lucas Leiva, centrocampista del Liverpool monitorato proprio dal ds dell'Inter. Altri nomi sempre restando in Premier, sono quelli di Podolski ex Colonia e campione del mondo in carica con la Germania e Campbell classe '92. Entrambi dell'Arsenal. Podolski sembra avere il vantaggio sugli altri. In alternativa al tedesco spunta il nome di Soriano della Sampdoria. Ferrero chiede 10 milioni di euro.

Affare in attacco - Rimbalza da alcune ore il nome di Balotelli per l'attacco interista. La punta del Liverpool non sta attraversando un periodo felice in Inghilterra e cosi potrebbe tornare a Milano sponda interista. Mancini ha preso contatti con il bresciano anche se Gianluca di Marzio intervenuto a Tutto mercato web smentisce le voci pur non tralasciando il fatto che tra l'ex allenatore dei Citizen e Balotelli intercorra comunque un buon rapporto nonostante i disguidi. Mauro Icardi come precisa lo stesso Di Marzio dalla redazione di Sky Sport 24 rimarrà e forse rinnoverà il contratto, ma rimane vivo l'affare caldo di giugno per l'approdo di Cerci al club di Thohir e quello dell'argentino all'Atletico Madrid. E' stato scelto intanto il nuovo vice del Mancio, sarà Sylvinho. L'ex esterno del Barcellona era già stato affiancato al tecnico nerazzurro nella panchina del Manchester city. Manca solo l'ufficialità. Il ritorno di Stramaccioni - Prossima avversaria dell'Inter sarà l'Udinese di Stramaccioni e Stankovic. Due vecchie conoscenze della Pinetina che di certo non attraversano un periodo facile. Dopo la sconfitta con il Milan al Meazza, la squadra del vulcanico Pozzo ha totalizzato18 punti e come dice lo stesso tecnico romano - ' C'è chi ha gli stessi punti ed è felice cosi. Noi invece siamo arrabbiati. Dobbiamo migliorare nelle prestazioni ed Io ci metto la faccia".