Non c'è due senza tre. Il Bayern Monaco riesce nell'impresa di rimontare l'1-3 dell'andata subito ad Oporto e lo fa sommergendo la squadra portoghese sotto una valanga di gol: 6 a 1 il risultato finale, con cinque reti realizzate dalla formazione tedesca nei primi 40 minuti di gioco. Nulla possono i lusitani, che in questa edizione di Champions League diventano la terza formazione a subire un passivo del genere dopo la Roma e lo Shakhtar Donetsk, le quali avevano subito una marcatura in più.

Il Bayern sembra già spacciato sulla carta, complici le assenze di Benatia, Robben, Ribery, Alaba e Javi Martinez, con Schweinstiger in panchina e l'1-3 da rimontare; per contro Porto senza i due esterni titolari fuori entrambi per squalifica rimediata nella gara d'andata. E saranno le assenze più pesanti.

Lo scoprono subito gli uomini che li rimpiazzano, con un Bayern devastante sulle fasce e carro armato per vie centrali.

L'incubo del Porto dura 26' e va dal 14' al 40', lasso di tempo in cui i bavaresi vìolano la porta di Fabiano per ben cinque volte.

Comincia Thiago Alcantara, a segno anche nella gara d'andata, seguono a ruota Boateng, Lewandowski (su assist di Muller), il tedesco Muller e infine nuovamente Lewandowski. Cinque a zero dopo soli 40' del primo tempo. Per notare l'esistenza del Porto bisogna attendere il gol di Jackson Martinez al minuto 73, per leggere i titoli di coda, qualora ve ne fosse ancora bisogno, si deve aspettare il minuto 88, quando Xabi Alonso insacca su punizione per il 6-1 finale, un punteggio tennistico che all'andata nessuno avrebbe nemmeno immaginato.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Champions League



Barcellona-PSG

Il sogno del PSG, svegliato all'andata al Parco dei Principi dalll'1-3 rifilatogli dai catalani, termina sotto l'effetto delle due reti di Neymar con cui il Barça costringe i parigini a salutare l'Europa. Sono bastati soltanto 14 giri di lancette per far sì che le speranze di Ibra & Co. si spegnessero. A pensarci è Neymar su assist di un magnifico Iniesta che scatta, mangia l'erba avversaria, salutando Cavani e Verratti incapaci di fermarlo e serve il brasiliano, il quale insacca comodamente.

Paris St. Germain spento, Barcellona vivo e brillante, illuminato dalla sua stella verdeoro il quale raccoglie il cross di Dani Alves al minuto 34 e realizza di testa la rete numero mille del Barcellona in Europa. Il secondo tempo è soltanto gestione del vantaggio degli spagnoli e il tentativo dei parigini di uscire con l'onore delle armi. Verratti ci prova al minuto 59 concludendo a lato, Ibrahimovic dà segno di vita al 73' ma Ter Stegen c'è.

Il resto è storia e festa per gli uomini di Luis Enrique che entrano di diritto ancor di più tra i favoriti alla vittoria finale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto