Nessuno dica che la Juventus è in crisi: da sole tre giornate di campionato non si può giudicare lo stato di salute di una squadra. I bianconeri vengono sì da tre gare molto deludenti, sia dal punto di vista del gioco espresso e sia dal punto di vista dei risultati, ma ancora non si può e non si deve definire come chiuso il ciclo juventino. La dimostrazione lampante è arrivata ieri sera, con la squadra di capitan Buffon che va sotto per via dell'autogol di Chiellini al minuto dodici della seconda frazione di gara. Già pronti i titoli "La Juve non sa vincere più" o simili, ma i bianconeri non sono morti, e da lì affondano il City.

Juventus-Manchester City e l'eroica mezz'ora bianconera

Comincia Mandzukic, che grazie alla splendida giocata di Paul Pogba (anche lui oggetto di asprissime critiche) riesce a riportare in partita al minuto 25 del secondo tempo la compagine guidata da Massimiliano Allegri. Subito dopo il goal, i citizens operano delle sostituzioni, facendo entrare in campo giocatori per un valore complessivo di circa 150 milioni (De Bruyne, Otamendi e Aguero), i quali rilevano gli inesistenti Nasri e Sterling e il capitano Kompany.

Ma la storia non cambia. Morata si mette in proprio e sigla l'1-2, a coronamento di una prestazione assolutamente perfetta e senza sbavature. Non va assolutamente dimenticata l'importantissima opera di Gianluigi Buffon, che grazie alle sue parate riesce a mantenere il risultato e a far portare a casa 3 punti fondamentali per la Juventus, sia per il girone, ma soprattutto per il morale.

Dalle parole di Morata si intuiscono le ambizioni della sua squadra anche quest'anno: "Se giochiamo da squadra così siamo tra le più forti d'Europa".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Champions League

E non ha tutti i torti. La prestazione di ieri sera ha scacciato via ogni perplessità riguardo lo stato di forma dei bianconeri, che ovviamente sono tra i favoriti per la vittoria del campionato italianoe, visti i presupposti, possono puntare anche ad un buon cammino in ottica europea.

Sarà una bella lotta in Italia, con Roma e Inter a cercare di mettere il bastone tra le ruote agli juventini, ma questi ultimi sono ancora la squadra da battere, non c'è dubbio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto