Juventus tradita da un ex. A sancire la sconfitta di ieri sera in Champions League contro il Siviglia, è stato infatti proprio un ex bianconero, Fernando Llorente. Spagnolo mai entrato nelle grazie di Allegri e costretto a fare le valigie dopo l'arrivo di ulteriore concorrenza. Ma lui ha poi ammesso che non avrebbe voluto lasciare Torino.

Ora veste la maglia degli spagnoli, ai quali ha regalato un gol che vale la qualificazione in Europa League. Inguaiando per giunta proprio la sua ex squadra, qualificatasi così seconda.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Il che vuol dire pericolo di incrociare una big agli ottavi. Ecco dunque il sorteggio da brividi che spetta ai bianconeri in quel di Nyon, alle ore 11 del prossimo quattordici dicembre.

Pericolo Bayern Monaco e Barcellona

La Juventus, qualificatasi come detto seconda, rischia di incrociare due squadre che appaiono insuperabili: Barcellona e Bayern Monaco. Quanto ai primi, ne sa qualcosa la Roma, uscita di recente con le ossa rotte dal Camp Nou (6 a 1). Ma anche il Real Madrid, che ha perso il Clasico per ben 4 a 0. I secondi, invece, sono tornati ad essere una macchina da guerra e ci tengono a far bene nella massima competizione europea, dopo il flop dello scorso anno.

Ma oltre a loro, la Juventus potrebbe incrociare anche le due squadre di Madrid, Real e Atletico. La squadra di Benitez stenta in campionato, ma in Champions non fa sconti. Quella di Simeone, invece, sta tornando ad essere l'invicibile armata vista negli ultimi anni. più abbordabili, o se preferite, meno paurose appaiono il Wolfsburg e lo Zenit.

I migliori video del giorno

I tedeschi sembrano non aver risentito della partenza di Perisic, mentre i russi hanno trovato una certa verve dopo l'esonero del 'nostro' Luciano Spalletti.

Stasera spareggio Chelsea-Porto

Escludendo infine il Manchester City, prima proprio nel girone della Juve, resta da capire chi potrebbe essere l'altra possibile avversaria tra Chelsea e Porto. Giocano a Stamford Bridge uno scontro diretto: se finisce in parità il Porto passa per primo grazie al risultato dell'andata. Jose Mourinho sarà beffato proprio dal suo passato? Vedremo.

Comunque entrambe sembrano alla portata dei torinesi, sebbene restano comunque squadre di tutto rispetto. La Juventus ha già vissuto una situazione simile. Lo scorso anno chiuse seconda nel girone e anche allora l'urna presentava pericoli come Barcellona e Bayern. Le evitò, pescando il Borussia Dortmund e arrivando, come sappiamo, fino in finale. E chissà che i timori di oggi non portino di nuovo bene. Ce lo dirà la Svizzera il prossimo 14 dicembre. La dea bendata sarà clemente con la Vecchia signora?