A poche ore dalla prima gara dell'anno solare per Empoli ed Inter, la tensione per il ritorno della Serie A sembra già essere alle stelle: tutti vogliono vincere ed un campionato così entusiasmante, con cinque squadre in 4 punti dopo la sosta natalizia, difficilmente si era visto. Ecco perché la Juve vuole raggiungere l'ottava vittoria di fila, la Roma vuole trovare continuità dopo la vittoria contro il Genoa e Napoli e Fiorentina puntano ai 3 punti per mordere le caviglie dell'Inter.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Le novità in casa Inter

Nonostante le voci di mercato sul possibile arrivo di Eder, protagonista del derby di ieri sera, i nerazzurri non vogliono farsi distrarre e al Castellani, alle 18:00, scenderanno in campo per mantenere quanto di buono fatto fino ad ora nei primi quattro mesi.

Cercare di indovinare la formazione di partenza dell'Inter è sempre un compito arduo, poiché Mancini ci ha spesso abituato a cambi di modulo e scelte dell'ultimo minuto, ma questa volta, con una vetta da mantenere ed anche con un Felipe Melo squalificato dal giudice per ben 3 giornate, dovrebbe essere abbastanza semplice.

Mancini dovrebbe schierare il solito ed ormai consolidato 4-3-3 che tanto sta facendo bene in Serie A. In porta ci sarà il solito Handanovic, fresco di rinnovo fino al 2019, con davanti Miranda e Murillo; dubbio sui lati dove però dovrebbero essere schierati D'Ambrosio e Telles. A centrocampo troveremo il solito Medel affiancato da Brozovic e Kondogbia, mentre in attacco spazio a Perisic e Ljajic, con al centro il solito Mauro Icardi.

Le ultime in casa Empoli

Giampaolo invece ha fatto della sua squadra un piccolo gioiello, portandola al settimo posto e sfruttando quanto di buono aveva costruito Sarri prima di lui.

I migliori video del giorno

Nel 4-3-1-2, in porta ci sarà Skorupski protetto da Laurini, Tonelli, Costa e Mario Rui; a centrocampo invece spazio a Zielinski affiancato da Paredes e Buchel, mentre in attacco spazio al solito Riccardo Saponara sulla trequarti, a supporto dell'intramontabile Maccarone e Manuel Pucciarelli.