Una salvezza conquistata in largo anticipo, un futuro ancora da scrivere per il Genoa. Il presidente dei rossoblu, Enrico Preziosi, ha parlato ai microfoni di Telenord per fare chiarezza sulmomentodel grifone: "Vivo questo momento con serenità e tranquillità ma la consapevolezza che questa squadra non era da retrocessione. Èstata una stagione difficilissima, con qualche errore da parte nostra agli inizi. A gennaio abbiamo corretto quello che potevamo, grazie anche al lavoro del nostro mister".

Preziosi invita i tifosi a godersi il momento

Dieci anni di Serie Aper il club più antico di Italia,un recordper la storia recente del Genoa:"Vorrei che i tifosi del Genoa si godessero questi risultati, festeggiandoli".Il conduttore, Pinuccio Brenzini, chiede al presidente se torneràallo stadio in questo finale di campionato: "Non penso che tornerò allo stadio, parlerò a fine stagione.

Per adesso non voglio essere un problema, preferisco evitare".

Il patron dei rossoblu ribadisce gli sforzi della proprietà in questi ultimi anni: "Dopo Genoa-Venezia abbiamo fatto dei miracoli, ma questo a volte non ci viene riconosciuto. Vendere la società? Non è facile trovare investitori seri. Fino adesso sono riuscito a fare solo questo, per qualcuno sarà poco ma sono comunque dieci anni di massima serie. Èun piccolo miracolo, non è un fatto dovuto. In ogni caso questo non è un traguardo per noi, ma un dato di fatto. Èuna continuità importante, io spero di poter regalare maggiori soddisfazioni alla gente".

Bilancio, Gasperini e mercato: Preziosi svela tutto

Sul bilancio del club ci sono voci discordanti, il presidente del Genoa sembra tranquillo: "Racconterò tutto quello che c'è da sapere.

Cercherò di rispondere a tutti coloro che vorranno informazioni sullo stato della società. Il peggio è alle spalle, per questo motivo mi sento tranquillo. Non mi faccio tirare in ballo più da nessuno". Ad un certo punto interviene l'opinionista Claudio Onofri, domandando sul futuro di Gasperini: "A questo non rispondo. Sapete quanto lo apprezzo, quanto gli voglio bene nonostante tutto.

Credo che anche per lui sia così e che mi rispetti. Gasperini ha chiesto chiarezza, mettendo in discussione tutto. Non l'ho fatto di certo io. Dovevo incontrarlo ma non ho tutta questa fretta, sappiamo che dobbiamo parlare ma ci sono ancora sei partite. Non posso rispondere a queste domande. Juric? Èun amico, lo rispetto parecchio ma non c'è nulla".

Sul Calciomercato Preziosi assicura che c'è la volontà di rinforzare la squadra: "Ci muoveremo in tal senso, purtroppo negli ultimi anni abbiamo dovuto guardare il bilancio. Mi piacerebbe regalare giocatori importanti al Genoa. Non dimentichiamoci che abbiamo rischiato, grosso. I genoani sapranno tutto".

Si è parlato anche dell'argentino Ansaldi, giocatore nel mirino di grandi club: "Èun elemento di grande qualità, difficile da trattenere. Se lo riscatteremo non è di certo per tenerlo, a meno che non si riduca lo stipendio. Perin? Se vuole stare al Genoa può restare, lo sa. Mi sono sembrate strane le dichiarazioni del suo agente, ma ribadisco che questa è casa sua come lo era perMarco Rossi".