Ci sono storie che sembrano tratte da un libro. Sono le storie di ragazzi che inseguono un sogno e alla fine lo raggiungono. Anche se in questo caso dovremmo dire che lo raggiungono "all'inizio". Si, perché se parliamo di João Mário Naval Costa Eduardo, meglio noto come Joao Mario, a soli 23 anni il calciatore pare abbia raggiunto l'accordo per l'ingaggio con l'Inter per i prossimi 5 anni alla cifra strepitosa di 35 milioni di euro più un bonus.

Vincitori di questa edizione di Euro 2016, tanto amara per l'Italia dopo la sconfitta ai rigori contro la Germania, il Portogallo vede adesso spalancare le porte dell'olimpo calcistico per i suoi giovanissimi ragazzi.

Il giorno dopo le partite: il dolore di Pellè e la gioia di Joao Mario

Tra le tanti immagini che ricorderemo di questi Europei 2016 ci sono senza dubbio quelle del "giorno dopo". Abbiamo visto Graziano Pellè chiedere scusa all'Italia per quel rigore mancato e ora vediamo Joao Mario esultare per una finale in cui è stato giudicato uno dei migliori in campo.

Il giorno dopo una partita di questo livello tutta l'emozione viene scaricata, così come la frustrazione,la delusione, la rabbia, uno stesso destino, un futuro in un club oppure in un altro, una carriera chesi decide grazie o a causa di un risultato calcistico.E poi c'è quell'immagine che, forse più di tutte, commuove.

Cristiano Ronaldo: un sogno spezzato e le lacrime per la vittoria

Al 24esimo minuto della finale Francia - Portogallo di questi Europei 2016, Cristiano Ronaldo lascia il campo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter Calciomercato

Infortunatosi a causa di un duro colpo del giocatore francese Payet, il campione portoghese getta la spugna. Quanti sacrifici fatti per arrivare su quel campo? Tantissimi, anche per questo giovanissimo calciatore che vive un sognoche per tanti ragazzi sembra impossibile da realizzare. Ronaldo rimane in panchina, guarda i suoi compagni, li incita, si emoziona con loro.Fino a quel goal arrivato ai supplementari, chepare ripagarlo anche se non è più in campo fisicamente.

Questo èil gioco di squadra, lo stesso di cui ha parlato il nostro calciatore Giaccherini in un altro "giornodopo". Quello in cui anche lui ha raggiunto il suo sogno.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sugli argomenti che ti stanno a cuore e ricevere tutte le mie news, clicca sul tasto SEGUI che vedi in alto accanto al mio nome.

E se ti è piaciuto l'articolo vota con le stelle e lascia un commento, mi aiuterai a far sentire ancora di più la mia voce.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto