Juventus-Inter sembra non finire mai. Le polemiche continuano a protrarsi nei giorni e dopo le parole dell'amministratore delegato del club bianconero, Giuseppe Marotta, che ieri ha dichiarato come in Italia manca la cultura del perdere (eppure fu il primo a lamentarsi dell'arbitraggio lo scorso anno dopo il match di Champions League contro il Bayern Monaco), oggi sono arrivate le parole del presidente di Fca, John Elkann, che ha usato toni molto duri nei confronti del club nerazzurro, intervenuto a Palazzo Madama per la celebrazione dei 150 anni del quotidiano La Stampa: "Trovo incredibilmente stupefacente che l'Inter non abbia ancora imparato a perdere, penso che ormai dovrebbero avere l'abitudine a farlo.

Domenica c'è stata una bella partita, dove a giocare meglio è stata la Juventus, che ha meritato di vincere. Io credo sia importante comprendere bene ciò che succede in campo ma, allo stesso tempo, bisogna anche riconoscere i meriti dell'avversario quando c'è un elemento di sportività".

Ekann ha poi commentato le indagini sulle presunte infiltrazioni della criminalità organizzata nella curva della Juventus: "Non c'è alcuna preoccupazione sulle allegazioni fatte alla Juventus e ai suoi dirigenti, c'è piena collaborazione. Osserveremo come si sviluppa la cosa, la nostra intenzione è quella di fare totale chiarezza a riguardo".

La risposta di Moratti

L'ex patron ed ex socio di minoranza, Massimo Moratti, raggiunto dai microfoni di Premium Sport, a domanda specifica ha commentato così le parole di John Elkann: "Le parole di Elkann? Ci vogliono saggezza ed il silenzio intelligente di Zhang in quest'occasione".

Bisognerà vedere se arriverà la replica del club nerazzurro anche attraverso la dirigenza o se il club preferirà adottare la strada del silenzio, concentrandosi sul ricorso che è stato fatto contro le squalifiche di Mauro Icardi ed Ivan Perisic.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Inter

La società punta all'annullamento della squalifica per il centravanti argentino, mentre per l'esterno croato si punta alla riduzione della squalifica da due ad una giornata.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto