L'incredibile serie di trionfi nel campionato italiano della Juventus è stato un boccone amaro da mandar giù per tutte le avversarie che faticano a stare al passo dei bianconeri, ma allo stesso tempo rappresenta un'occasione per capire dei concetti che le vittorie della formazione di Allegri possono insegnare. Per vincere lo scudetto è necessario una grande difesa. I gol a grappoli segnati dal Napoli di Sarri hanno fatto spellare le mani ai tifosi partenopei, ma non hanno praticamente mai insidiato lo strapotere juventino.

I primi ad esserne al corrente sono coloro i quali stanno lavorando alla costruzione della nuova squadra nerazzurra.

Calciomercato Inter: un reparto attenzionato più degli altri

Luciano Spalletti ha individuato proprio nella retroguardia il settore in cui si dovrà intervenire in maniera più pesante. C'è voglia di costruire davanti ad Handanovic una struttura che possa garantire una certa impermeabilità e per assecondare il proposito sarà necessario effettuare una vera e propria rivoluzione all'interno del reparto. Sono, infatti, pochissimi i calciatori a restare e fa poca differenza che siano centrali o terzini. Attualmente certi di restare sembrano essere Miranda e Andreolli, che ha appena firmato un rinnovo di durata biennale.

A loro si aggiungono Ansaldi e D'Ambrosio, poi sarà "tabula rasa". Andranno via praticamente tutti: Ranocchia, Medel, Santon e Nagatomo hanno le valigie pronte e la società spera di poter ottenere qualcosa dalla loro cessione.

Mercato Inter: le trattative

Non sono ancora partite in maniera ufficiale le offensive per i calciatori che andranno a rafforzare sensibilmente la difesa, ma i nomi che si andranno a cercare sono quelli già gettonati all'interno della moltitudine di voci che sta accompagnando questa fase della stagione della società nerazzurra.

Spalletti vorrebbe affidare la guida della difesa a Rudiger, che verrebbe acquistato come difensore centrale e senza la necessità, che diverrebbe opportunità, di farlo giocare esternamente. Affiancarlo a Miranda offrirebbe garanzie sufficienti rispetto alla possibilità di avere una coppia di centrali che possa reggere al meglio una squadra che avrà almeno quattro calciatori con spiccate doti offensive.

C'è invece una certa attesa per capire quali saranno le scelte relative ai terzini, argomento da sempre delicato in casa Inter e non solo.