Un precampionato di altissimo livello ed una prima giornata vincente hanno diradato tutte le nubi, qualora ce ne fossero, sull'Inter. Adesso, però, viene il difficile perchè è il momento di confermarsi e di completare l'organico con i tasselli giusti per pensare di raggiungere la qualificazione alla Champions League, vero obiettivo stagionale.

Vice cercasi

Allo stato attuale risulta abbastanza palese che all'organico manchi un vero vice di Icardi, che non sia Pinamonti o Edèr. Niente da fare per Jovetic che, a quanto pare, è destinato a cambiare aria e per forza di cose dovrà trovare una sistemazione, nonostante le sue resistenza a trasferirsi in Premier League dove diversi club sarebbero disposti a pagarne cartellino ed ingaggio.

L'idea è quella di trovare un calciatore che non abbia un profilo totalmente sovrapponibile all'argentino, ma che abbia caratteristiche diverse e che all'occorrenza possa giocare insieme a lui. Il profilo perfetto, a molti, sembra quello di Patrick Schick, un elemento che conosce bene la Serie A, che ha già dimostrato di avere talento e che, stando alle ultime indiscrezioni, ha una maledetta voglia di Inter. L'idea nasce dal fatto che il calciatore avrebbe rifiutato la corte della Roma, proprio perchè molto più allettato dall'idea di diventare nerazzurro. I giallorossi addirittura avrebbero offerto trentotto milioni di euro alla Sampdoria, vedendo rispondere "picche" dal diretto interessato.

Ad oggi l'unica strada percorribile per l'Inter è quella di vedere accettata una proposta basata su un prestito annuale con obbligo di riscatto fissato a trentacinque milioni di euro. La volontà del calciatore, ad oggi, sarebbe il fattore destinato ad essere decisivo.

L'eventuale utilizzo

Il profilo di Schick combacia perfettamente con ciò che l'Inter cerca, non solo per la capacità di giocare centravanti.

Si tratta infatti di un elemento che ha dimostrato di poter occupare diversi ruoli dell'attacco, grazie alle sue abilità palla al piede, nell'uno contro uno e ad una tecnica, in senso generale, molto valida. Qualcuno pensa sia destinato a diventare un campione di grandezza assoluta, altri invece nutrono dubbi in netta contrapposizione a chi gli riconosce colpi degni di Van Basten.

Quello che si sa è che già un anno fa Sabatini, oggi all'Inter, avrebbe voluto portare il calciatore a Roma per una cifra di quattro milioni di euro, ma non se ne fece nulla