Si respira un'aria nuova in casa Inter. I risultati che sono arrivati nel pre-campionato hanno dato tranquillità ad un ambiente che sembrava patire la delusione per un mercato che, seppur valido, non ha ancora portato ad Appiano Gentile uno dei quei giocatori che viene considerato facente parte della ristretta cerchia dei top player. Allo stato attuale poco male per una squadra che dà l'impressione di riuscire finalmente a fare gruppo, soprattutto stando a quello che si vede sul campo dove la formazione di Spalletti pare muoversi come un'orchestra quasi perfetta.

L'impressione è che con il tempo le cose siano addirittura a destinare.

I prossimi movimenti

La prima di campionato contro la Fiorentina rappresenta il primo vero banco di prova e servirà un risultato positivo per non cancellare un calcio d'agosto che ha visto i nerazzurri conquistare sei vittorie ed un pareggio in sette uscite. La società nel frattempo è fortemente intenzionata a regalare altri rinforzi a Luciano Spalletti: è in dirittura d'arrivo l'operazione che porterà a Milano il terzino destro Cancelo in cambio di Kondogbia, poi sarà il tempo di concentrasi su un difensore centrale che completerà, assieme a Skriniar e Dalbert, una difesa totalmente rivoluzionata, Manca ancora un ultimo colpo ed è quello che si attende con maggiore ansia, sebbene ad oggi sembrano esigue le speranze di riuscire il Bayern Monaco a cedere Kondogbia.

E attenzione a Schick che resta una pista calda.

Le certezze dal passato

Il primo a riferire che questa squadra non avrebbe avuto necessità di grandissimi cambiamenti è stato Luciano Spalletti che, in sede della conferenza stampa di presentazione, aveva individuato in sei-sette gli acquisti che avrebbero cambiato solo parzialmente una rosa che al suo interno vedeva risiedere tanta qualità.

Icardi in attacco e Handanovic sono i due estremi di un gruppo che necessita solo di ritrovare fiducia e abbandonare un po' dell'indolenza della passata stagione. Comunque vada la squadra si avvarrà di Ivan Perisic, dato che il croato ha ormai metabolizzato che il suo futuro sarà nerazzurro e lo farà con convinzione dato che secondo quanto emerge negli ultimi giorni non sembra emergere una spinta verso la cessione da parte del diretto interessato. Ed anche il Manchester United ha scelto di raffreddare il proprio interesse, presto potrebbe inoltre essere discusso il rinnovo di contratto.