Inutile piangere sul latte versato, è vero. Ma il Calciomercato dell'Inter si è chiuso di fatto senza portare alla corte di Luciano Spalletti un altro difensore centrale, tanto richiesto dall'ex tecnico della Roma e di cui dovrà fare a meno almeno fino a gennaio. I nomi che sono circolati durante questi due mesi intensi e molto chiacchierati sono stati tanti, ma l'obiettivo principale dei nerazzurri per la retroguardia è stato svelato dal noto giornalista sportivo ed esperto di mercato Gianluca Di Marzio all'interno degli studi di Sky Sport.

Calciomercato Inter: qual era l'obiettivo primario per la retroguardia

Secondo quanto riferito da Gianluca Di Marzio, infatti, il vero obiettivo per la difesa da affiancare ai titolari Skriniar e Miranda, che nella notte ha subito anche un infortunio con la sua nazionale, non era Mangala del Manchester City come invece sembrava. Il giocatore che Spalletti avrebbe voluto tanto avere a disposizione era Shkrodan Mustafi, tedesco classe 1992 di cui anche nella giornata di ieri si è parlato ma al quale sono state chiuse le porte dal papà-agente che ha dichiarato in anteprima che il ragazzo non si sarebbe mosso dall'Inghilterra.

Calciomercato Inter: i perché della trattativa sfumata

Mangala poteva rappresentare soltanto un'opportunità per l'Inter, ma Mustafi era l'obiettivo principe. Alla fine, però, nessun club ha accettato le condizioni che i dirigenti nerazzurri avevano proposto e cioè che entrambi i calciatori arrivassero in prestito e di conseguenza non se n'è fatto nulla. Il club meneghino cercava un profilo che potesse fare da ottimo rincalzo, ma non che dovesse essere un titolare, ecco perché voleva a tutti i costi un prestito.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Inter Calciomercato

Un altro ostacolo sarebbe stato rappresentato dalla richiesta del giocatore e del suo attuale club: 4 milioni di euro all'anno a lui, obbligo di riscatto a 35 milioni per l'Arsenal. Decisamente troppi ostacoli che hanno fatto sì che la trattativa crollasse prima ancora di prendere effettivamente vita.

Adesso l'Inter dovrà affrontare la stagione con quel che ha a disposizione almeno fino alla sessione invernale del mercato, ma consapevole della propria forza e delle grandi capacità dell'allenatore Luciano Spalletti.

Tra qualche mese si farà il resoconto e potremo sicuramente giudicare meglio l'operato dell'Inter. Vedremo.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie di calciomercato o sul mondo del calcio in generale, è possibile cliccare il tasto "SEGUI" che si trova in alto a destra, accanto al nome dell'autore di questo articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto