Uno dei tormentoni dell'ultimo mese della sessione estiva di Calciomercato è stato quello riguardante il possibile trasferimento di Luka Modric all'Inter. Inizialmente sembravano solo voci di corridoio, ma con il passare dei giorni la trattativa è diventata sempre più concreta e il giocatore ha fatto di tutto per liberarsi dal Real Madrid.

L'ultimo incontro tra il giocatore, il suo entourage e il patron del Real, Florentino Perez, è andato in scena giovedì sera, con la richiesta di essere lasciato libero di trasferirsi a Milano. Un incontro terminato con un nulla di fatto e che, anzi, avrebbe visto il presidente del club spagnolo molto irritato per l'insistenza sia del giocatore che del suo entourage di trasferirsi all'Inter in questa sessione di mercato.

Perez che, comunque, non ha lasciato correre e vista l'insistenza dello stesso Modric ha deciso di denunciare l'Inter [VIDEO] alla Fifa perché a suo avviso avrebbe avuto contatti con il giocatore e il suo entourage senza contattare prima il Real Madrid.

La rivelazione di Modric

Una vicenda che, comunque, sembra destinata a concludersi con un nulla di fatto [VIDEO] per il Real Madrid. Luka Modric, infatti, stando a quanto riportato da Don Balon in Spagna, è pronto a scagionare l'Inter dinanzi alla Fifa. Secondo il quotidiano spagnolo, il centrocampista croato avrebbe confessato che non sarebbe stata l'Inter a cercarla per ingaggiarlo visto che i nerazzurri erano consapevoli di non poter fare grandi investimenti sul cartellino a causa dei paletti imposti dalla Uefa con il Fair Play Finanziario.

Bensì, sarebbe stato proprio lo stesso Modric ad essersi messo in contatto con l'Inter, che è uno dei club con il quale sognava di giocare sin da bambino e in cui militano tre suoi connazionali e amici, Perisic, Brozovic e Vrsaljko. Il miglior giocatore del Mondiale in Russia era convinto di potersi liberare dal Real Madrid in virtù di un patto fatto con Florentino Perez, secondo cui se avesse vinto tutto sarebbe stato libero di andare qualora lo avesse voluto. Patto che, però, a differenza di quanto accaduto con Cristiano Ronaldo, non è stato mantenuto.

Arrivo rimandato?

E chissà che l'arrivo di Luka Modric all'Inter non sia stato solo rimandato di qualche mese. Il centrocampista croato non sembra entusiasta all'idea di restare al Real Madrid e da qui a gennaio continuerà ad insistere per essere lasciato libero di andare. Il Pallone d'oro del Mondiale vuole nuovi stimoli e a Milano è convinto di poter ritrovarli in una squadra in crescita e che quest'anno potrebbe fare il definitivo salto di qualità dopo il quarto posto strappato all'ultima giornata la scorsa stagione. Modric-Inter, il tormentone non è finito: è solo rimandato di qualche mese e nel frattempo l'augurio del croato e dell'ambiente nerazzurro è che la posizione di Florentino Perez si ammorbidisca rispetto a quanto successo in questo mese di agosto.