La Champions League, massimo trofeo continentale per squadre di club, riapre i battenti oggi con le prime sfide che, come da tradizione, si preannunciano subito ad altissima tensione. Quattro le squadre italiane impegnate nella fase a gironi, con l'obiettivo di passare il turno. Sono tutti raggruppamenti impegnativi e c'è l'impressione che la qualificazione sarà una missione parecchio dura, in particolare per Inter e Napoli che, alla luce delle corazzate che si ritrovano nei rispettivi gironi, sono chiamate alla grande impresa.

Proprio nerazzurri ed azzurri aprono le danze oggi per quanto riguarda i club di casa nostra: gli uomini di Luciano Spalletti ospitano il Tottenham, quelli di Ancelotti fanno visita alla Stella Rossa Belgrado.

Inter a caccia di una vittoria per dare un calcio alla crisi

La squadra allenata da Luciano Spalletti scenderà in campo per prima tra le italiane questa sera con fischio d'inizio alle 18.55 a San Siro.

Affronta un avversario ostico come il Tottenham: i ragazzi di Pochettino vogliono rialzare la testa dopo il ko interno contro il Liverpool nell'ultima giornata di Premier League e punteranno tutto sulla loro stella, Harry Kane, accompagnato da un mix di giovani di talento e giocatori d'esperienza che già nella scorsa stagione hanno fatto vedere di potersela giocare alla pari con le grandi d'Europa.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Champions League

L'Inter è tornata in Champions dopo sei anni e non vuole sfigurare al debutto, ma le condizioni in cui arriva al match non sono certamente ottimali. Al di là di alcuni giocatori importanti infortunati, l'avvio di stagione è stato da incubo per i nerazzurri che in quattro gare di campionato hanno racimolato la miseria di 4 punti con 1 vittoria, 1 pari e 2 sconfitte. Tutti i giocatori dell'Inter ed anche il tecnico saranno sotto esame questa sera, ad iniziare da Mauro Icardi ancora a secco di gol in campionato.

Napoli nell'inferno del 'Marakana'

Per la Champions, il Napoli si è assicurato un vero esperto. Carlo Ancelotti il trofeo lo ha sollevato cinque volte, due da giocatore e tre da allenatore. La formazione partenopea ha riacquistato un pò di serenità grazie al successo sulla Fiorentina, dopo la batosta rimediata a Genova prima della pausa. Stasera, calcio d'inizio alle ore 21, il Napoli entrerà nell'inferno del 'Marakana', nome con cui è noto lo stadio 'Rajko Mitić' da sempre tra i più 'caldi' del mondo.

Inutile dire che si tratta di un match chiave, sulla carta i serbi sono l'anello debole di un girone che include Liverpool e PSG.

La squadra serba allenata da Vladan Milojevic è ricordata per il suo passato glorioso soprattutto per la vittoria della Coppa dei Campioni 1990-91. Quella era una squadra formidabile, questa è certamente più abbordabile e, pertanto, gli uomini di Ancelotti devono avere il coraggio di osare per portare a casa l'intera posta.

Juventus ospite del Valencia

Grande attesa per i campioni d'Italia che domani (ore 21) affronteranno il Valencia al Mestalla. La squadra di Marcelino non in un grand momento dopo tre pareggi e una sconfitta nelle prime quattro gare della Liga, ma può affidarsi a giocatori d'esperienza e classe come Gameiro e Parejo.

Dall'altra parte i riflettori saranno puntati sul fuoriclasse portoghese Cristiano Ronaldo, alla prima in Champions con la Vecchia Signora e che vorrà mettere subito le cose in chiaro. Con lui la Juventus è tra le naturali favorite per sollevare il trofeo, personalmente CR7 ha compiuto questo invidiato gesto per ben cinque volte in carriera, la prima con il Manchester United e le altre quattro con il Real Madrid. Con il portoghese a trascinare l'attacco, i bianconeri sperano di iniziare nel migliore dei modi la nuova avventura europea con l'obiettivo di sfatare la maledizione: con sette finali perse su nove disputate la Juve detiene un vero primato negativo

Roma nella tana del Real

La Roma sarà ospitata al Santiago Bernabeu dai campioni in carica del Real Madrid. I giallorossi non hanno avuto una buona partenza in campionato, confermata anche nell'ultimo match contro il Chievo dove probabilmente la testa era già al durissimo impegno di coppa. Mister Di Francesco deve ancora far quadrare il cerchio di una squadra che lo scorso anno giunse fino alle semifinali del torneo, ma che in questa stagione ha perso alcune pedine importanti.

Il Real Madrid deve ancora colmare il vuoto lasciato dalla partenza di Cristiano Ronaldo. Anche senza il bomber più prolifico di sempre nella storia della Champions League sono comunque una formazione temibile e rientrano nel ristretto lotto delle favorite per il titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto