L'indiscrezione era nell'aria già da diverse settimane. Da tempo infatti ormai si parla di un possibile passaggio di Beppe Marotta, ex dirigente bianconero, all'Inter. La possibilità che lo stesso passi proprio sulla sponda nerazzurra non sarebbe più un'utopia, anzi è stato Marotta stesso a chiarire la sua posizione, durante la premiazione del "Radicchio d'Oro", tenuta ieri a Castelfranco Veneto. L'ex dirigente bianconero ha aperto infatti ad un eventuale rapporto con la dirigenza Suning, proprietaria proprio della società interista.

A dicembre o nel nuovo anno Marotta potrebbe entrare nella dirigenza nerazzurra

Secondo quanto riportato da Sport Mediaset, sarebbe oramai solo una questione di tempo il passaggio di Beppe all'Inter: al massimo per dicembre o con l'avvento del nuovo anno, quindi entro gennaio. Era stato nelle scorse settimane anche il neo-presidente interista, Steven Zhang, a salutare con piacere un eventuale ingresso nella dirigenza nerazzurra di una persona del calibro di Marotta.

Come ha già ribadito il presidente Zhang, l'Inter vuole essere più competitiva sia in ambito nazionale, ma soprattutto internazionale, e per questo la società sta provvedendo a rinforzare ogni settore della società, da quello prettamente tecnico a quello economico. Marotta, sempre come riferiscono i media sportivi, potrebbe assumere il comando dell'area sportiva del club milanese, nei panni di amministratore delegato al fianco di Alessandro Antonello, che gestisce le deleghe sulla gestione finanziaria della società.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Inter

Modello juventino da seguire

I nerazzurri guardano al modello Juventus. Quest'ultimo sarebbe ideale per i nerazzurri, e non solo. L'ex squadra di Beppe Marotta infatti, soprattutto negli ultimi otto anni, ha visto una crescita esponenziale. Infatti, proprio mentre l'Inter andava a vincere il famoso triplete, i bianconeri ingaggiarono nel loro organico Marotta. I risultati, almeno per gli juventini, sono arrivati quasi subito.

"Per organizzazione societaria e qualità tecniche la Juve non ha competitor in Italia", ha annunciato Marotta. Ora dovrà essere proprio quel modello di sviluppo societario che si dovrà apportare se si vuole essere competitivi a livello internazionale. Una sfida davvero interessante quindi per Beppe e per la società. Questa settimana intanto il campionato si ferma, ma i nerazzurri guardano già alla sfida contro il Frosinone di sabato 24 novembre.

Nel frattempo attendiamo ulteriori notizie su Beppe e sul suo futuro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto