Il ruolino di marcia della Juventus 2018-2019 è eccezionale, basti pensare che in campionato ha conquistato 43 dei 45 punti a disposizione e in Champions League, nonostante i due passi falsi con Manchester United e Young Boys, ha ottenuto il passaggio del turno da prima qualificata. Gran parte del merito di questo successo è da attribuire alla difesa il cui uomo più rappresentativo e più in forma del momento è Giorgio Chiellini che ha rilasciato un'intervista a Dazn, durante la quale ha evidenziato alcune caratteristiche del suo carattere. Inoltre si è soffermato sul nuovo modo di affrontare le gare da parte di tutto il gruppo.

L'evoluzione della Juve e del suo capitano

Il capitano bianconero ha raccontato come la sua esuberanza in campo è in contrasto con un carattere timido e introverso nella vita di tutti i giorni. Durante gli anni, il difensore ha lavorato su se stesso cercando di imparare dagli errori commessi. 'Ora negli anni ho imparato con l'esperienza, con gli errori soprattutto a migliorare alcuni atteggiamenti'.

Anche la squadra bianconera in sei anni ha sperimentato soluzioni diverse per ottenere il massimo in campo: 'Se penso alla differenza fra Berlino e Cardiff, solo due anni ma 8/11, è una squadra profondamente diversa non solo negli uomini ma anche nello stile di gioco', evidenzia il Dottor 'Chiello'.

La squadra deve colmare alcune lacune, come ad esempio i momenti di blackout visti con Genoa o Manchester United: 'Quel pareggio che è venuto fuori con il Genoa, noi in casa non possiamo permetterci di regalare due punti'.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

L'altro difetto è la poca prolificità, non a caso spesse volte i bianconeri sono rimasti sull'uno a zero, con il rischio di essere raggiunti facilmente: 'L'1-0 è il risultato perfetto magari fino al 60' quando poi fai il secondo e la gestisci ancora meglio', questo è cio di cui è convinto Giorgio.

L'approccio alle gare

Il nazionale italiano si prepara per ogni partita studiando i movimenti del suo gruppo e poi quelli degli attaccanti avversari per cercare di arginarli: 'Ci sono dei momenti in cui tutto accade velocemente e anche se sai che ti fa quel movimento, che quello è il suo tiro preferito, lo fa talmente bene, che arrivi sempre un momento dopo'.

L'attaccante più difficile da marcare è Icardi: 'Secondo me nell'area di rigore è il secondo attaccante più forte che ho marcato perché ti disintegra mentalmente. Ne ho trovato solo uno peggio, ma da quest'anno gioca insieme a me (Cristiano Ronaldo)', afferma sollevato il fedele scudiero.

Il calcio è in continua evoluzione e ognuno ha il dovere di seguirne i mutamenti per non restare indietro. La difesa per gli italiani è un punto di forza, non a caso i più grandi difensori sono originari del Belpaese: 'Sarebbe bello mantenere quella cultura italiana che ci ha permesso di raggiungere grandi traguardi, se mi guardo indietro penso a Cannavaro, Nesta, Baresi, Maldini, per poi andare a Gentile, Scirea'.

Per espletare il ruolo di capitano, Chiellini s'ispira a Del Piero, Scirea e Buffon. Come il numero dieci vuole accogliere i nuovi arrivati e istruirli nello stile bianconero: 'L'atteggiamento suo, ma anche di Cannavaro e Buffon, era quello di farmi sentire a mio agio'. Scirea rappresenta per lui un maestro di vita professionale e umana: 'Penso che debba essere fonte di ispirazione per me e per le generazioni future'.

Con Buffon il difensore ha condiviso 300 giorni all'anno e rimpiange il carisma con cui si poneva nello spogliatoio: 'Gigi faceva emozionare le persone, veramente ti toccava dentro. Per me è un orgoglio averlo avuto tante volte alle mie spalle'.

Sul prossimo derby della Mole il giocatore è consapevole del fatto che non sarà semplice perché il Torino con Mazzarri è cresciuto e poi la gara con l'altra metà di Torino e quella contro l'Inter sono diverse e cio l'ha capito anche Cristiano Ronaldo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto