Il divorzio è sempre più vicino, Allegri nei prossimi giorni potrebbe lasciare la Juventus. A spingere su questa ipotesi sono oggi La Repubblica e La Stampa, mentre i giornali di settore come La Gazzetta dello Sport, Tuttosport e Corriere dello Sport sono meno sicuri del divorzio anche se non escludono la possibilità. L’incontro di cui si parla da settimane ancora non c’è stato e questo fa capire come la situazione sia tesa, il tecnico è corteggiato da più parti e Agnelli sembra deciso a cambiare nonostante le frasi di conferma delle scorse settimane.

Juventus: con Allegri è quasi finita

Il summit ci sarà nei prossimi giorni, da quello dipenderà tutto il futuro della panchina della Juventus. Allegri parlerà con i dirigenti bianconeri e capirà se sarà possibile continuare o meno e, ad oggi, le quotazioni del suo addio sono in forte rialzo. L’eliminazione in Champions brucia, l’ottavo Scudetto di fila non compensa la delusione e così le strade potrebbero diverso con l’allenatore livornese che troverebbe subito un altro incarico. Su di lui è forte la pressione del Paris Saint Germain e non è da escludere un assalto del Barcellona che, dopo la figuraccia di Liverpool, potrebbe non confermare Valverde. In Italia, infine, c’è l’Inter: Marotta è un suo grande fan e, in caso di addio di Spalletti, potrebbe entrare nella corsa.

Conte e Inzaghi per il dopo Allegri alla Juventus

E i bianconeri cosa faranno? Chi sarà il prossimo allenatore della Juventus? Tutti gli indizi portano ad Antonio Conte anche se l’addio di cinque anni fa ancora non è stato superato da Andrea Agnelli ed è forse per questo che ancora non è stata presa una decisione sul futuro della panchina.

Conte è il primo della lista per il prossimo anno, è corteggiato da più parti ma ha già detto “no” alla Roma e sta tenendo l’Inter in stand by. La sua priorità è la Juve. L’uomo che ha dato il via all’epopea recente dei bianconeri potrebbe così tornare, con una squadra più forte, per provare a dare l’assalto alla Champions League.

Sullo sfondo, però ci sono anche altri nomi, Guardiola è il grande sogno ma la trattativa al momento sembra impossibile sia per costi che per i tempi troppo stretti, un candidato sarebbe Didier Deschamps che però è ancora legato alla Nazionale Francese. L’ultima ipotesi è Simone Inzaghi, il tecnico ha svolto un grande lavoro alla Lazio e che già da un paio di anni viene accostato alla Juventus. La sua crescita è esponenziale, è giovane e promettente ma bisognerà capire se la dirigenza lo riterrà anche già pronto per l'importante panchina bianconera. Ora che Allegri è pronto a liberare il posto chissà che non sia proprio lui a prenderne il posto sulla panchina della Juventus.