Sorteggiato il tabellone di Coppa Italia 2019-2020, primo turno fissato per il 4 agosto, atto finale il 13 maggio. Le prime otto teste di serie (Juventus, Napoli, Atalanta, Inter, Milan, Roma, Torino e Lazio) entreranno in gioco solo a gennaio con gli ottavi di finale. Mentre le altre squadre della massima serie entreranno in gioco il turno precedente. Tutte le gare dal primo turno eliminatorio fino ai quarti di finale di Coppa Italia, si giocheranno in gara secca.

La semifinale invece si disputerà con gare di andata e ritorno. La finale avrà come sede, come al solito lo stadio Olimpico di Roma.

La composizione del tabellone

Alla competizione parteciperanno ben 78 squadre, al primo turno eliminatorio molte squadre di serie C e anche alcune di serie D; nel dettaglio parteciperanno all'edizione di Coppa Italia 2019/2020 tutte le squadre di Serie A, tutte quelle di serie B, ventinove di serie C e solo 9 di serie D.

Andando a sviscerare il tabellone, sulla carta si può prevedere, in modo teorico ai quarti di finale, da una parte del tabellone Juve, Roma, Milan e Torino; dall'altra Napoli, Lazio, Inter e Atalanta. Ovviamente le sorprese non mancheranno e questo è anche il bello di questa formula con cui si gioca la Coppa Italia.

I probabili quarti di finale

Essendo quello di Coppa Italia un tabellone tennistico, a differenza ad esempio di quello della Champions League, già ad oggi siamo in grado di poter delineare il cammino delle eventuali squadre, che potrebbero ipoteticamente trovarsi ai quarti di finale. La logica fa pensare che potrebbero essere così: Juventus-Roma, Milan-Torino, Napoli-Lazio e Atalanta-Inter,

Si eviterebbero insomma eventuali derby di Roma e Milano fino alla finale, mentre quello di Torino potrebbe verificarsi non prima della semifinale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A

Questa formula è in vigore già da diversi anni, è studiata in modo tale, che ci possono essere in teoria, anche squadre di seconda e terza serie che arrivino a giocare i quarti o le semifinali; un po' come successe in modo sorprendente all'Alessandria qualche stagione fa. Chiaramente le probabilità che tutte le big o quasi arrivino alle fasi finali è altissima, ma è stato dimostrato che non è scontato.

Chissà che in futuro per rendere la Coppa Italia ancora più accattivante e completamente libera senza paletti e vantaggi per le big, non si arrivi come ad esempio in Inghilterra e Francia, dove nelle coppe nazionali, già dal primo turno scendono in campo tutte le squadre, anche le più blasonate, che per di più giocano in trasferta. Con questa formula gli ostacoli per tutti aumentano notevolmente, aumentando così le possibilità che squadre inferiori possano arrivare a coltivare sogni prestigiosi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto