Nel primo, vero giorno di Antonio Conte da allenatore dell'Inter, è intervenuto anche Beppe Marotta a far chiarezza sul mercato nerazzurro. La Benemata è pronta ad iniziare la nuova stagione in ritiro a Lugano e del gruppo di giocatori agli ordini di mister Conte fanno parte anche Mauro Icardi e Radja Nainggolan. Il loro futuro non è stato ancora definito, si tratta di due atleti sotto contratto con l'Inter che, pertanto, inizieranno la preparazione con la squadra.

Marotta è stato chiaro ai microfoni di Sky Sport: nè Maurito, nè tanto meno il Ninja fanno parte del progetto di Antonio Conte. Allo stesso modo, l'amministratore delegato ha escluso la cessione di Icardi alla Juventus che molti siti di Calciomercato danno quasi per scontata, ma per il dirigente ex bianconero non ci sono davvero i presupposti.

'Scambio con Dybala, al momento è utopia'

La linea di Antonio Conte è chiara e rompe i ponti con il recente passato.

Più nulla di ciò che accade all'interno dello spogliatoio nerazzurro dovrà trapelare all'esterno. Dovrebbe essere una legge non scritta del calcio, ma purtroppo i social network hanno stravolto anche questo. Difficile invece fermare le indiscrezioni di mercato, anche quando sono eccessivamente 'pompate' ed alcune, con tutta sincerità, ballano ai confini della fake news. Marotta risponde alle domande dei giornalisti a margine della conferenza stampa che vede Conte protagonista assoluto, quello di Icardi è ovviamente un 'trend topic'.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

A chi gli chiede se sia in piedi una trattativa con la Juventus, Marotta risponde senza tentennamenti. "Lo escludo oggi, non ci sono le minime condizioni. Il giocatore può scegliere il suo futuro e la società cercherà di soddisfare le sue esigenze, ma della Juve ad oggi non si è vista nemmeno l'ombra". Gli viene chiesto se uno scambio con Dybala possa in qualche modo trasformare in atto concreto quello che, fin d'ora, può essere un tormentone di mercato.

"Al momento si tratta di utopia, ma vedremo cosa accadrà. Siamo aperti a diverse soluzioni". Soluzioni che si troveranno, sottolinea Marotta, anche se caso in cui Icardi dovesse restare all'Inter fino alla chiusura del mercato. Beppe Marotta è tornato sulla scelta, già ribadita ai microfoni di Sky Sport, di escludere Icardi e Nainggolan dal 'progetto Conte'. "Una scelta dolorosa, ma condivisa - dice l'ad nerazzurro - perchè purtroppo quando inizi un progetto devi decidere a priori chi può starci dentro. Per il momento si alleneranno con noi, con gli stessi diritti e doveri di qualunque altro giocatore".

Le altre operazioni di mercato

Per il momento Diego Godin, Valentino Lazaro e Stefano Sensi sono gli unici colpi ufficiali dell'Inter. Le trattative per Barella, Dzeko e Lukaku vanno avanti e Marotta, in tal senso, preferisce non sbilanciarsi. "Abbiamo sempre avuto le idee chiare e le nostre scelte sono importanti, motivo per cui bisogna avere pazienza. Sappiamo quali giocatori vuole Antonio Conte, ma siamo ancora dentro ad un cantiere e stiamo costruendo".

Sulla questione Barella sottolinea "non sono d'accordo con quanto affermato da Cagliari e Roma, loro hanno il diritto di fare il prezzo che vogliono, ma lo stesso diritto lo ha il compratore. Stesso discorso per Dzeko dove il venditore sta cercando di essere più abile del compratore. Il fatto che i giocatori abbiano gradito la destinazione Inter non significa nulla, si tratta di una fase interlocutoria". In ultimo Marotta dà il benvenuto a Gabriele Oriali, autentica bandiera nerazzurra che torna nello staff. Più di ogni altro avrà il compito, lui che ha la maglia dell'Inter come una seconda pelle, di introdurre un allenatore come Conte, fino a poco tempo addietro considerato 'ostile' dalla tifoseria per il suo passato vincente alla Juve, nel mondo nerazzurro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto