Domani sera, in uno degli anticipi di Serie A, la Juventus ospiterà all'Allianz Stadium il Bologna e come da rituale, oggi Maurizio Sarri ha tenuto la conferenza stampa di vigilia.

In primo luogo il tecnico bianconero ha sottolineato che Douglas Costa non è del tutto recuperato, infatti sta ancora svolgendo lavoro differenziato, per cui è prematuro parlare del ritorno al 4-3-3. Gli infortunati ritornati in gruppo sono invece Danilo Luiz e Ramsey.

Sarri sulla tattica e sul Bologna

L’ex mister del Napoli, alla domanda se continuerà con 4-3-1-2 o se è propenso nel ritornare al 4-3-3 ha risposto che la squadra deve apprendere al meglio entrambe le soluzioni tattiche.

Il 4-3-1-2, secondo l’intervistato non è per niente facile soprattutto nella fase difensiva, nonostante ciò la squadra sta cercando di adattarsi nel migliore dei modi: “Di partita in partita, vedremo quello che dovremo scegliere, ma penso che dovremo essere pronti ad utilizzarli tutti e due”.

Il Bologna secondo Sarri, ha avuto un buon avvio di campionato e lo dimostrano anche i numeri. Affrontarlo non sarà semplice perché è una squadra che recupera molti palloni, fa tanti tiri in porta e ne subisce pochi.

L’augurio dell’allenatore è che domani Sinisa Mihajlovic possa essere sulla panchina. Il tecnico di Valdarno non intende svelare chi sarà il partner di Cristiano Ronaldo tra Higuain e Dybala, ma ha sottolineato soltanto che entrambi hanno le caratteristiche adatte per dar battaglia ai rossoblù.

Lo scetticismo e la classifica

Uno dei giocatori che ha al suo attivo zero minuti di gioco è Daniele Rugani. Il centrale nei piani del tecnico dovrebbe trovare spazio, ma per adesso ritiene opportuno dare continuità alla linea difensiva attuale, in modo da ottenere i risultati programmati.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus

L'impiego dell'ex Empoli avverrà appena il reparto avrà raggiunto stabilità.

I tifosi bianconeri in estate avevano accolto Sarri con grande scetticismo. In merito a questo il tecnico ha dichiarato che durante la sua carriera è stato spesso vittima di questo sentimento, ma a lui non importa più di tanto. La vittoria sull'Inter per l’intervistato è archiviata, ora l'unica cosa importante è continuare ad essere protagonisti di buone prestazioni, condizione necessaria per arrivare a risultati positivi.

L’obbiettivo dell'allenatore è tenere alta la concentrazione sulla sfida con i rossoblù soprattutto perché avviene dopo la pausa nazionali. “Non è mai facile giocare dopo la sosta”. I giocatori, a detta dell’intervistato, talvolta stentano nel ritornare ai ritmi di gioco antecedenti alla sosta perché sono costretti a cambiare modo di giocare e gli obbiettivi.

Tra i giocatori, considerati avulsi dal progetto bianconero ci sono Pjaca e Mandzukic. Il primo è infortunato, mentre l'ex Atletico Madrid ha deciso (d'accordo con la società) di non allenarsi insieme alla squadra.

Il tecnico è disponibile anche a rivedere la posizione del numero 17 bianconero, ma previo colloquio tra le parti. L’intervistato ha avuto parole di elogio per Matuidi, ritenuto un giocatore dinamico e duttile per cui tutti i suoi colleghi sono riusciti ad inserirlo nelle varie soluzioni tattiche.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto