Secondo quanto riportato da Tuttosport, l'allenatore del Milan Stefano Pioli è tentato di lasciare fuori Jesus Suso dall'undici di partenza rossonero. Lo spagnolo è stato protagonista dell'ennesima prestazione deludente nel pareggio per 2-2 di domenica sera contro il Lecce. I fan hanno reagito con rabbia alla sua prestazione e molti di loro hanno sostenuto che lo spagnolo avrebbe dovuto essere sostituito.

Una delle accuse principali fatte a Suso è quella di non essersi impegnato nella fase difensiva, consentendo al terzino del Lecce di battere Donnarumma con un fendente dalla lunga distanza. L'hashtag "#SusoOut" ha addirittura fatto tendenza su Twitter in Italia e, secondo l'edizione di martedì di Tuttosport Pioli sta prendendo in considerazione di apportare delle correzioni alla formazione. Il rapporto afferma che Pioli è consapevole che Suso è un giocatore di indubbia qualità, ma che sia diventato prevedibile a causa del suo repertorio limitato. Ci sono alternative prese in considerazione tra cui Ante Rebic (che gioca bene in quel ruolo per la nazionale croata) e Samu Castillejo.

CorSera: i miglioramenti del Milan contro il Lecce

Secondo il Corriere della Sera, il nuovo allenatore del Milan è riuscito a cambiare quattro aspetti chiave della squadra rossonera dopo solo cinque giorni di lavoro. In poco tempo, col gruppo quasi al completo, è già cambiato molto nella compagine rossonera: maggiore chiarezza tattica, determinazione, manovre fluide e spirito di sacrificio. È stato un debutto agrodolce per Pioli come allenatore del Milan che, soprattutto nel primo tempo, ha fatto un'ottima impressione contro il Lecce.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Milan

Tuttavia, i tre punti tanto necessari non sono stati portati a casa in quanto una errata interpretazione difensiva ha permesso a Marco Calderoni di pareggiare al 92° minuto e raccogliere un punto a San Siro. Nonostante ciò, il Corriere della Sera ritiene che Pioli non sia preoccupato in quanto è già riuscito a cambiare le dinamiche del gruppo attraverso lezioni tattiche e psicologiche. La squadra rossonera ha dato spettacolo nei primi 30 minuti contro il Lecce e ora la sfida è quella di ripetersi per 90 minuti con le seguenti partite contro Roma, Spal, Lazio, Juventus e Napoli.

Ora il 53enne dovrà ripristinare l'autostima e la fiducia nel gruppo ed il lavoro psicologico è considerato una "priorità" rispetto al lavoro sul campo. Pioli sa che lo attende un duro lavoro, ma è convinto di vincere la battaglia più importante: conquistare il Milan e i suoi tifosi. In tal senso la dura trasferta contro una Roma, che appare incerottata ed in difficoltà, potrà essere un banco di prova quasi decisivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto