Intervenuto in una diretta Instagram insieme alla moglie Michele Lacroix il fenomeno belga centrocampista del Manchester City Kevin De Bruyne ha parlato della convivenza con i compagni della nazionale dei Diavoli Rossi.

De Bruyne parla di Lukaku, Mertens e Vertonghen

Alla domanda su quale fosse il più divertente KDB ha risposto senza esitazione: "Mertens e Vertonghen, ci facciamo un sacco di scherzi, ma anche con Romelu mi diverto tanto anche se con lui è quasi come avere un figlio, sta in silenzio solo quando dorme, è sempre in movimento". Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport all'Inter si potrebbe presto formare una colonia belga, sulla scia della più famosa setta argentina, composta, oltre che da Lukaku, dagli stessi Mertens e Vertonghen, che potrebbero entrambi arrivare a parametro zero.

Inter, Lukaku sulla scia di Milito, il belga insegue i 30 gol del principe

Lukaku ha finora segnato 23 gol in 35 presenze, di cui 17 in campionato, 2 in coppa Italia e 4 tra Champions League e Europa League. Il suo apporto alla squadra non si è mai limitato esclusivamente alla fase realizzativa, ma si è fatto voler bene anche con il supporto ai compagni, nel gioco di sponda e nel pressing. Il Principe Milito nella sua prima stagione in neroazzurro ha segnato 30 gol in 52 presenze, suddivisi in 22 gol in serie A, 2 in Coppa Italia e 6 in Champions League. Anche l'argentino era un attaccante atipico che faceva del sacrificio per la squadra un suo punto forte. Se i numeri non sono un opinione al belga mancano 7 gol per raggiungere Milito, con a disposizione, se la stagione dovesse riprendere, tra le 16 e le 22 partite, in dipendenza dell'avanzamento dei neroazzurri in coppa Italia e in Europa League.

Obiettivo decisamente alla portata, considerando il rendimento del gigante buono.

Inter, per sostituire Lautaro si pensa a Cavani

Come riporta la Gazzetta dello Sport l'Inter, per sostituire Lautaro Martinez in caso dovesse partire, destinazione Barcellona, starebbe pensando a Edinson Cavani, ex Palermo e Napoli, ora al PSG.

L'uruguagio è certamente un campione e il suo cartellino non costerebbe niente ai neroazzurri, l'ostacolo semmai sarebbe lo stipendio. Troppi gli oltre 10 milioni di euro netti percepiti dal Matador, 33 anni compiuti il 14 febbraio, che Conte stima molto e che si adatterebbe bene agli schemi del tecnico pugliese.

Si starebbe a questo punto delineando un vero e proprio thrilling di mercato, sempre citando la Gazzetta dello Sport, con i parigini che lascerebbero andare Cavani solo in caso di riscatto di Icardi proprio dai neroazzurri. In caso di mancato acquisto dell'argentino il PSG potrebbe proporre il rinnovo all'ex Napoli, rimandando Mauro ai neroazzurri e scontentando così sia l'Inter che il vecchio capitano del biscione.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!