Il nome di Leo Messi sta infiammando i rumors di mercato in queste ultime ore. L'immagine del fuoriclasse argentino sarebbe stata proiettata sul Duomo da PPTV, la tv cinese di cui è proprietaria Suning, per presentare la locandina di Inter-Napoli. Foto poi modificata rimuovendo il nome e il numero della Pulce, anche per evitare problemi relativi ai diritti d'immagine. Ma il più, ormai, era stato fatto e inevitabilmente la suggestione di vedere l'attaccante del Barcellona con la maglia nerazzurra ha preso piede. Anche nel pre e post partita contro gli azzurri non sono mancate le domande all'amministratore delegato, Giuseppe Marotta, che si è limitato a definire utopia l'operazione, e al tecnico, Antonio Conte, che ha sottolineato come sia più semplice spostare il Duomo che vedere Messi a Milano.

Lo vuole Zhang

L'operazione, però, sembrerebbe essere tutt'altro che impossibile. A volerla, infatti, sarebbe proprio il patron di Suning, Jindong Zhang, che ha sempre pensato in grande. Già nell'estate del 2017, solo qualche mese dopo il suo insediamento a capo del club, prima di puntare su Luciano Spalletti aveva provato a strappare proprio Antonio Conte, con il Chelsea che, però, alzò il muro. Già in quel caso, nonostante si fosse in pieno regime di fair play finanziario, il proprietario del colosso di Nanchino si era detto disposto a mettere sul piatto un contratto da 10 milioni di euro a stagione. Matrimonio andato in porto con due anni di ritardo e chissà che lo stesso non possa succedere con Leo Messi.

La Pulce era stata accostata all'Inter già negli scorsi anni ma la volontà dell'attaccante era stata sempre quella di restare al Barcellona. Volontà che adesso sembra vacillare, soprattutto a causa di un rapporto non più idilliaco con la dirigenza. Stando a quanto riportato da Il Corriere della Sera, Zhang vorrebbe Messi per espandere in maniera planetaria non solo il marchio Inter, ma anche quello di Suning che, nonostante la pandemia, ha registrato un fatturato importante.

Le cifre dell'affare

L'affare che porterebbe Leo Messi all'Inter presenta cifre notevoli. Il Corriere della Sera spiega come potrebbero essere necessari 200 milioni di euro per strappare il giocatore al Barcellona. Su questo, però, potrebbero esserci delle perplessità legate al fatto che l'argentino secondo qualcuno avrebbe una clausola che gli permetta di liberarsi a un anno dalla scadenza naturale del contratto.

Il quotidiano parla, inoltre, di un contratto da 50 milioni di euro ma in Catalogna il classe 1987 incassa quella cifra comprensiva di bonus. Inoltre il Decreto Crescita potrebbe fornire un aiuto notevole alla società nerazzurra. Altro dato importante, poi, riguarda gli sponsor. Pirelli e Nike sono in scadenza e con Messi l'Inter potrebbe chiedere molto di più rispetto a quanto percepito attualmente e in prima linea ci sarebbero Adidas, che già rifornisce la Nazionale argentina, e Samsung.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!