Proprio ieri Gonzalo Higuain è sbarcato a Miami, dove l'ha accolto Jorge Mas, uno dei maggiori azionari del club insieme a David Beckham. Mas ha annunciato il trasferimento con una foto sul proprio profilo Twitter: "Un caldo benvenuto a Gonzalo Higuain, campione e attaccante di classe mondiale". Il club statunitense è vicino ad aggiudicarsi il 32enne che costerà ai bianconeri 3,5 milioni di euro di buonuscita per un totale di 18 milioni di minusvalenza. Il contratto che l'argentino firmerà sarà di 7.5 milioni di euro a stagione fino al 31 dicembre 2022.

L'esperienza italiana di Higuain

Questi sette anni non sono stati da niente per Higuain, che nel nostro paese ha ricevuto l'amore e l'ammirazione che gli sono troppo spesso mancati in patria e al Real Madrid: prima durante i suoi tre anni al Napoli e dopo con la Juventus, ha sempre fatto parlare di sé, diventando per anni uno dei giocatori più importanti della Serie A.

Nel 2013, al suo esordio al Napoli, Maradona disse di lui: "È lui il mio erede. Sono sicuro che vincerà la classifica marcatori"; classifica che effettivamente vinse nel 2016 con il numero esorbitante di 36 reti segnate.

Inutile dire che i tifosi partenopei lo amarono follemente, per poi odiarlo con la stessa intensità una volta ceduto alla Juve; ma quello stesso anno, dell'avventura napoletana Higuain disse: "A Napoli ho sentito l'amore. Qui mi sono sentito più amato che in qualsiasi altro club". Per il Pipita deve essere stato un sogno, soprattutto dopo le esperienze al Real Madrid, nel quale la tifoseria troppo viziata non gli ha mai dato soddisfazione, e in Nazionale, con la quale ha perso tre finali e si è visto spesso al centro di aspre critiche.

E nonostante quei sei mesi sbagliati al Milan, solo in Italia è riuscito a dare il massimo ed essere apprezzato per il campione quale è; ma tutto questo non può che essere merito anche di Maurizio Sarri, l'allenatore che più di tutti l'ha capito e valorizzato.

Cosa ne sarà dell'attacco bianconero

La cessione di Higuain ha confermato l'assoluta necessità di un suo sostituto in casa Juventus, che nei mesi scorsi si era già mossa alla ricerca di un suo sostituto, anche se molto scossa dal bilancio post Covid-19.

È inutile dire quanti rumors circolino sulla questione: sembra infatti sempre più probabile l'acquisto del sogno Suarez, il quale pare legato ormai solo al suo esame di italiano del 16 settembre; nome appetibile resta Edin Dzeko, a cui spetta la decisione ultima se lasciare la Roma o restarne il capitano.

Proprio ieri però, è circolata la voce di un interessamento per Olivier Giroud: l'attaccante del Chelsea si è detto però sorpreso, affermando che la notizia è assolutamente inconcreta.

Segui la pagina Juventus
Segui
Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!