Nelle scorse ore l'ex allenatore Arrigo Sacchi ha parlato alla Gazzetta dello Sport di Juventus-Inter, confrontando gli allenatori delle rispettive squadre e sottolineando come a livello tattico Massimiliano Allegri sia di un livello superiore rispetto a Simone Inzaghi. Anche l'ex portiere dell'Inter Tommaso Berni ha parlato a TMW Radio del Derby d'Italia, evidenziando come lo scontro diretto tra le due formazioni non deciderà le sorti di un campionato ancora troppo lungo.

Juventus-Inter, Sacchi: 'Allegri di un livello superiore rispetto all'avversario'

L'ex allenatore Arrigo Sacchi è stato intervistato nelle scorse ore dalla Gazzetta dello Sport e parlando di Juventus-Inter e dei loro allenatori ha detto: "Cominciamo col dire che è la sfida tra le due squadre che hanno speso di più, e dunque sarebbe lecito attendersi dello spettacolo. Aggiungiamo che Allegri e Simone Inzaghi sono due tattici, e probabilmente Allegri è a un livello superiore rispetto al rivale. Punta su compattezza difensiva, forza fisica e ripartenze". Sacchi restando sul tema derby d'Italia ha poi sottolineato come l'Inter, qualora decidesse di giocare in ripartenza contro la Juventus, potrebbe perdere la partita in quanto i bianconeri sanno sfruttare questo fondamentale del calcio in maniera migliore.

Di conseguenza, secondo Sacchi, Inzaghi dovrebbe impostare la gara chiedendo ai suoi calciatori di essere aggressivi ma allo stesso tempo accorti a non esporsi ai contropiedi bianconeri, cercando infine di costruire manovre corali che potrebbero mettere in difficoltà la Juventus.

Berni: 'Juventus-Inter non decide niente'

Anche l'ex portiere Tommaso Berni ha parlato di Juventus-Inter e lo ha fatto ai microfoni di TMW Radio: "Sicuramente sarà una gara tosta e difficile per entrambe le squadre, importante perché una vittoria può essere un timbro su questa prima parte di campionato.

Non decide niente perché manca tantissimo. L'Inter potrebbe battere i piedi e dire che siamo tosti e duri, la Juventus idem, potrebbe far capire che lotterà fino alla fine". Berni, parlando poi delle assenze delle due squadre, ha sottolineato come i subentranti faranno altrettanto bene per la voglia di mostrare ai rispettivi allenatori il loro reale valore.

L'ex portiere, commentando le peculiarità della Juventus da cui l'Inter dovrà difendersi, ha evidenziato come i bianconeri facciano della mentalità e della fisicità i loro veri punti di forza. Infine Berni parlando dell'attuale numero 1 della formazione nerazzurra Sommer, si è detto particolarmente sorpreso della sua personalità e carisma mostrato ai microfoni.