Nel match vinto per 4-0 contro il Lecce domenica l'Inter ha dovuto fare a meno di Hakan Calhanoglu a causa di un risentimento all'adduttore che lo costringerà ai box anche nelle gare contro Atalanta e Genoa, con l'obiettivo di averlo a disposizione per la sfida contro il Bologna prima del match di ritorno di Champions League contro l'Atletico Madrid. Il turco è fondamentale nei meccanismi della squadra di Simone Inzaghi ma una cessione a giugno non è da escludere a priori. Qualora dovesse arrivare una proposta importante la società nerazzurra la prenderebbe in considerazione.

La Fiorentina ha cominciato a discutere del riscatto di Arthur con la Juventus. Trattativa tutt'altro che semplice a cause degli alti costi dell'operazione sia per quanto riguarda il cartellino che per l'ingaggio: per questo motivo le due società avrebbero cominciato a discuterne con largo anticipo in vista della prossima estate.

Calhanoglu e il futuro incerto all'Inter

Uno dei pilastri dell'Inter in questi ultimi due anni è stato sicuramente Hakan Calhanoglu, che in cabina di regia è diventato uno dei migliori interpreti del ruolo in Europa, non facendo sentire neanche l'assenza di Marcelo Brozovic, l'anno scorso spesso infortunato e ceduto poi in Arabia all'Al Nassr.

Anche in questa stagione il turco è stato spesso decisivo e ha numeri decisamente importanti, con nove reti e tre assist all'attivo in ventitré presenze in campionato, oltre ad un gol segnato in Champions League.

Pensare ad una sua cessione a giugno è molto difficile ma qualora dovesse arrivare una proposta importante non è da escludere che questa possa essere presa in considerazione. Offerta che, comunque, dovrebbe essere superiore ai 60 milioni di euro. Anche Fabrizio Biasin a Tv Play ha sottolineato questo fattore: "Credo abbia una valutazione importante come questa.

Il problema è che l’Inter non ha un erede, perché Asllani non è ancora a quel livello e dovrebbero prendere un altro calciatore per poterlo rimpiazzare".

Il punto sull'eventuale sostituto di Calhanoglu

Il problema, dunque, sarebbe l'eventuale sostituto di Hakan Calhanoglu. Tra i papabili c'è Lewis Ferguson del Bologna, che potrebbe fare un percorso tattico simile al turco, anche per caratteristiche.

Un altro nome che potrebbe piacere è quello di Khephren Thuram, che il Nizza potrebbe cedere intorno ai 30 milioni di euro visto il contratto in scadenza a giugno 2025.

Non è da escludere che anche Mkhitaryan possa cominciare a giocare in quel ruolo. Senza dimenticare che i nerazzurri hanno già chiuso per l'arrivo di Piotr Zielinski, che arriverà a parametro zero essendo in scadenza di contratto con il Napoli.

La Fiorentina vuole riscattare Arthur

La Fiorentina intanto avrebbe avviato i contatti con la Juventus per il riscatto di Arthur, che tanto bene sta facendo in questa stagione. Il centrocampista brasiliano ha convinto e sembra rigenerato dalla cura viola, anche se la trattativa è tutt'altro che semplice.

Le due società hanno cominciato a parlarne con largo anticipo per trovare l'intesa. Il club di Rocco Commisso punta a uno sconto rispetto ai 22 milioni di euro inizialmente pattuiti, oltre a dover limare le distanze sull'ingaggio da oltre 5 milioni netti a stagione.

I viola puntano a un investimento sui 12 milioni di euro più bonus, non andando oltre un investimento complessivo intorno ai 15 milioni di euro. Se il giocatore aprirà a una decurtazione dello stipendio, andando sui 3,5 milioni più bonus allora la fumata bianca sarà probabile.