Secondo le ultime news riportate dalla stampa riguardanti il caso di Elena Ceste, il marito della donna scomparsa lo scorso 24 gennaio 2014 ha dichiarato che sua moglie gli avrebbe rivelato alcuni piccanti retroscena sul loro matrimonio, e il giallo si infittisce. La donna, di cui è stato ritrovato il cadavere da pochi giorni a quanto senza alcuna lesione evidente, avrebbe avuto rapporti occasionali con sconosciuti contattati tramite il social network Facebook. E laconfessione al marito sarebbe uscita per il fatto che uno dei suoi probabili amanti la avrebbe minacciata con un video a luci rosse girato proprio con lei, per poi divulgarlo.

Per il marito, il giorno della scomparsa della moglie sarebbe stato inizialmente un giorno qualunque: doveva accompagnare a scuola i figli perché Elena non si sarebbe sentita bene. Rimasta sola, la donna avrebbe potuto decidere il suo suicidio: completamente senza vestiti sarebbe entrata nel bosco dove è stata poi ritrovata cadavere, ma quel che è accaduto non è dato saperlo, ovviamente. Potrebbe essere stato un suicidio oppure un incidente. Ma quel giorno, il marito avrebbe potuto anche accompagnare i figli a scuola, tornare a casa e uccidere la moglie senza indugio, per poi celare il corpo ed iniziare la messa in scena.

Quel che è certo, è che l'autopsia non ancora rilevato alcuna ferita evidente e le cause della morte di Elena Ceste rimangono quindi ancora un mistero, ma la cosa più sconvolgente è che ora ci sarebbero due bambini da proteggere per il semplice motivo che se davvero fosse il marito di Elena il terribile assassino, i due bambini sarebbero in grave pericolo di vita, anche se in realtà il marito della donna ritrovata cadavere non ha mai dato alcun segno di ragionevole dubbio.

La famiglia di Elena Ceste si è stretta nel silenzio più assoluto, mentre le indagini continuano senza sosta: gli inquirenti sono tornati nuovamente sul posto del ritrovamento del cadavere per tentare di scovare nuovi indizi che potrebbero essersi occultati per via del maltempo degli ultimi mesi.

Segui la nostra pagina Facebook!