Ci sono novità importanti nelle indagini sul giallo relativo alla tragica morte di Elena Ceste al 15/12/2014. Sappiamo che gli amici della donna hanno dato vita a un comitato per tutelare l'onorabilità della madre di Costigliole d'Asti oggetto della morbosa attenzione dei massmedia, che le hanno attribuito amanti con eccessiva disinvoltura. Secondo la tesi proposta dalla testata "Giallo" Elena Ceste potrebbe però avere effettivamente avuto un forte legame con una persona che risponde al nome di Alessio. La tesi si fonda su una corrispondenza nella quale l'uomo afferma di averla frequentata in occasione di viaggi di lavoro. Gli investigatori sono fin dall'inizio a caccia del movente del crimine ma propendono per la gelosia da parte del marito.

Il 44enne vigile del fuoco Michele Buoninconti viene descritto come una persona particolarmente gelosa e se informato da qualcuno sull'esistenza di una liason della moglie potrebbe effettivamente aver dato in escandescenze.



I bene informati dicono che l'uomo voleva un quarto figlio dalla donna e insisteva in tal senso mentre lei opponeva il suo diniego. L'ipotesi di veder crollare il proprio sogno di felicità familiare, soprattutto quando ci sono di mezzo tre figli piccoli, è effettivamente una seria minaccia per l'equilibrio psicologico di chiunque, ma in questo caso la situazione potrebbe essere degenerata. Ovviamente servono riscontri probatori a sostegno delle accuse e novità in tal senso derivano dal fatto che andando a spulciare nei tabulati telefonici il mattino fatale il marito sarebbe stato nella zona dove poi è stato rinvenuto il cadavere.

I migliori video del giorno

Perché Michele Buoninconti si trovava lì? A questo quesito dovranno rispondere i suoi legali. Per ora si ipotizza che l’uomo, al fine di mascherare i suoi movimenti e depistare di conseguenza le indagini, avrebbe poi chiamato la vicina di casa fingendosi preoccupato per l’improvvisa sparizione della consorte Elena. Secondo le indiscrezioni Alessio definì Elena Ceste l'amante più dolce. C'è la possibilità quindi che la donna penasse addirittura a una separazione.