Potrebbe essere la morte violenta la causa del decesso di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Asti scomparsa dalla sua abitazione il 24 gennaio 2014. E' questo quanto scrive il medico legale Franco Romanazzi nella perizia riguardante l'autopsia eseguita sul cadavere di Elena Ceste e depositata ieri in Procura. La certezza, però, sulla causa della morte non può essere data.

Elena Ceste: alcuni elementi farebbero pensare a morte violenta, forse per strangolamento

L'avanzato stato di decomposizione del cadavere di Elena Ceste ritrovato nel rio Mersa a Isola d'Asti a nove mesi dalla morte, ha reso davvero difficile il lavoro del dottor Franco Romanazzi e dei suoi collaboratori.

L'assenza di importanti ossa, ed in particolare delle cartilagini del collo, non hanno consentito di avere la certezza che il decesso possa essere avvenuto per strangolamento, anche se questa è sicuramente l'ipotesi più probabile. Assenti invece segni d'arma da fuoco e da taglio, così come vanno escluse la morte per ipotermia e annegamento. L'esito dell'autopsia confermerebbe quindi l'ipotesi della morte violenta, anche se non può esserci certezza assoluta da questo punto di vista.

La perizia, dunque, non permette di risolvere il caso che, continua ad essere un vero mistero. Michele Buoninconti è al momento l'unico iscritto nel registro degli indagati, ma prove concrete che facciano pensare ad una condanna non ci sono. La sua difesa è, inoltre, convinta che l'uomo non avrebbe potuto occultare il cadavere di Elena Ceste senza essere notato e per questo ieri 28 gennaio ha eseguito un sopralluogo nei pressi del rio Mersa per eseguire accurate misurazioni.

I migliori video del giorno

Elena Ceste, l'esito dell'autopsia è ora ufficiale: atteso a breve il nulla osta per i funerali

Ora che la perizia sul corpo di Elena Ceste è stata consegnata in Procura dal medico legale Franco Romanazzi, si attende finalmente il nulla osta per i funerali, che quasi certamente verranno celebrati a Govone, e non a Motta di Costigliole d'Asti, in forma strettamente privata. Michele Buoninconti si è allontanato da Don Roberto, il sacerdote di Motta, che potrebbe aver parlato con Elena Ceste durante la confessione dei suoi problemi in famiglia.