La salma di Pino Daniele verrà trasferita a Napoli oggi pomeriggio per un secondo funerale, presso la basilica basilica reale San Francesco di Paola alle ore 19:00. Lo ha riferito ai media Loredana Daniele, nipote del cantante. Il fratello minore di Pino, Carmine, assieme alle sorelle Patrizia e Rosanna, hanno deciso di non recarsi a Roma in occasione della seconda celebrazione funebre nella loro città natale. Per quanto riguarda gli altri due fratelli, Nello e Salvatore, questi ultimi decideranno nelle prossime ore riguardo un' eventuale presenza nella Capitale.

Pubblicità
Pubblicità

Questa decisione è stata presa dopo una giornata di polemiche da parte di molti fans che si sono visti chiudere i cancelli della camera ardente al S. Eugenio di Roma, dopo molti chilometri di autostrada per dare un ultimo saluto al loro beniamino. "Non ho voluto entrare per non creare confusione" ha riferito l'ex Premier Massimo D'Alema davanti ai cancelli della camera ardente. La sua presenza è stata molto contestata dai fans di Pino Daniele, in quanto non hanno ritenuto giusto che all'esponente del Partito Democratico sia stato consentito l'accesso.

"Sono venuto quì perchè io e Pino eravamo amici" ha alla fine concluso D'Alema.

Per volontà dei familiari l'accesso è stato aperto solo per pochi minuti, in seguito chiuso. Dallo staff del cantante è stato poi spiegato che la decisione è stata presa per dare ad amici e parenti tutto il tempo necessario per stringersi un'ultima volta attorno al loro amato Pino. Si è comunque generato un gran malcontento tra i fans: "E' una vergogna! Sono partito dalla provincia di Caserta, non era mai accaduta una cosa del genere!" spiega adirato il signor Gianni, grande ammiratore del cantautore napoletano.

Pubblicità

Proprio nella camera ardente, il noto batterista Tullio De Piscopo ha avuto un malore. Prontamente soccorso è stato poi ricoverato per degli accertamenti, fortunatamente ora sta meglio. Persistono comunque vivaci polemiche tra gli ammiratori di Pino riguardo le modalità di soccorso prima che venisse a mancare: "E' una storia assurda- affermano- la scelta di trasportarlo in auto dalla Toscana fino a Roma non ha alcun senso".

Ad ogni modo una cosa sembra essere sicura: domani saranno svolti ben due funerali in onore di Pino: il primo a Roma alle 12:00 ed il secondo a Napoli alle 19:00.

Un gesto dovuto allo stesso cantautore che ha dipinto ogni vicolo, strada e profumo della sua città natale nei suoi brani (soprattutto in Napule è), ma anche verso i suoi stessi compaesani, che come è risaputo, tengono molto alle icone artistiche e sportive della loro città.

Leggi tutto