Riprende a tremare l'Appennino tosco-emiliano e lo fa con molta insistenza. Come spiega Alberto Michelini, direttore del Centro nazionale terremoti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia intervistato da La Stampa, le scosse sono state tantissime, di cui la prima alle 3.15 con magnitudo 1.6 e poi via via più forti fino a quello delle 7.51 di magnitudo 4,1 avvertita anche a Bologna e Modena. La sequenza poi è proseguita e alle 11.25 era in piena attività, e già si erano registrate ben 86 scosse. Più della metà sono state di 2.0 gradi, mentre quattro sui 3.0, che hanno preceduto la più consistente, e poi due di 3.2 e 3.4 consecutive.

Lo sciame purtroppo è destinato a durare per qualche giorno. Vediamo più precisamente le zone interessate.

L'area colpita

I comuni epicentro dello sciame sismico sono Vernio, Barberino del Mugello, Camugnano e Castiglion dei Pepoli. Michelini ricorda come questa zona sia considerata a rischio medio-alto, sebbene mai colpita da terremoti di una certa intensità. I quali comunque in passato hanno ricordato zone attigue, come il Mugello quasi un secolo fa o Lunigiana negli anni '20 (con scosse che hanno superato in entrambi i casi i 6 gradi). Poi di recente vi sono state scosse di minore intensità, come lo sciame del 2008 intorno ai quattro gradi.

Sciame proseguirà per qualche giorno

Il direttore di INGV rammenta comunque che lo sciame proseguirà per qualche giorno.

I migliori video del giorno

Ricorda che non si può prevedere se vi saranno scosse più forti, ma in genere la casistica vuole che lo sciame in genere sia poi costituito da gradi inferiori. Poi avverte i cittadini di controllare l'apposita mappa predisposta dall'Istituto sul sito per verificare il grado di pericolosità della zona nella quale si vive e capire se la propria abitazione sia o meno a rischio.

Intanto, Vigili del fuoco, Croce Rossa, polizia municipale, e ufficio tecnico si sono stabiliti nella biblioteca di Castiglione, al fine di dare assistenza ai cittadini che vivono nelle zone colpite. Per precauzioni è stata anche disposta la chiusura delle scuole.