Charlie Hebdo sospende a tempo indeterminato le pubblicazioni, lo ha annunciato la responsabile della comunicazione, la quale ha dichiarato pubblicamente: 'La redazione ha bisogno di riposo ed è ancora sconvolta per quanto accaduto'. L'ultimo numero era uscito il 7 gennaio scorso e fu un vero e proprio successo, con sette milioni di copie vendute, andando letteralmente a ruba nelle edicole. Il settimanale satirico francese doveva uscire per il 4 o l'11 febbraio 2015, ma da poco è arrivata la notizia della sospensione a tempo indeterminato.

La stessa portavoce Hannie Hommel, ha comunicato che non si tratta di rinunce o arretramento a causa di minacce provenienti dal mondo islamico, ma semplicemente di una pausa di riflessione e di riposo dopo l'atroce morte del direttore Charb e dei tre vignettisti principali della testata satirica.

I vertici del giornale, avevano comunicato in conferenza stampa, che le pubblicazioni avrebbero continuato la loro uscita anche nel mese di febbraio, poi la retromarcia, motivata da ragioni abbastanza plausibili.

I lettori della rivista, sono stati i primi a rimanere delusi, la redazione infatti aveva registrato un riguardevole aumento degli abbonamenti, che dai settemila consueti erano diventati 120mila.

Per quanto riguarda la sospensione, non è stata fissata alcuna data precisa, ma si presume che la pausa non sarà inferiore alle due settimane. Quanto avvenuto all'interno del giornale, ha senza dubbio lasciato il segno e tutti i dipendenti si sentono stanchi e fortemente provati.

Prossimamente verrà comunicata la data di pubblicazione del prossimo numero e molto probabilmente si avranno notizie più certe sulla decisione presa dalla redazione.

Forse vogliono cambiare strategia? Devono riflettere quale linea redazionale seguire? Oppure hanno veramente bisogno di raccogliere le idee e riorganizzarsi dopo quanto accaduto? Sono interrogativi che per il momento non trovano risposte, se non quelle ufficiali appena annunciate.

Non ci resta che aspettare altre ed eventuali comunicazioni da parte dello staff redazionale del giornale.

Segui la nostra pagina Facebook!