Proseguono incessantemente le indagini per cercare di scoprire la verità sull'omicidio di Andrea Loris Stival, il bimbo di otto anni morto strangolato e ritrovato cadavere nei pressi di un canale di scolo situato nella zona del "Mulino Vecchio", a pochi chilometri da Santa Croce Camerina. Notizie molto interessanti sulla triste vicenda provengono dal gruppo Facebook "Veronica Panarello è innocente", che vanta ora più di tremila "Mi piace". Gli innocentisti hanno scritto una lettera aperta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella quale espongono la loro tesi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Secondo gli innocentisti, dalle immagini delle telecamere di sorveglianza di Santa Croce Camerina, non si riuscirebbe a capire cosa è veramente successo la mattina del 29 novembre, il giorno della morte del piccolo Andrea Loris Stival.

In ogni caso, gli innocentisti ritengono che quel giorno il bimbo si sarebbe aggirato a circa cinquanta metri dall'istituto "Falcone-Borsellino", dove i cani molecolari hanno rinvenuto le sue tracce. Tale dettaglio sarebbe una prova del fatto che Veronica Panarello avrebbe accompagnato Loris a scuola.

Sempre secondo la tesi innocentista, il bimbo si sarebbe poi imbattuto in una persona che avrebbe avuto un interesse morboso nei suoi confronti e che potrebbe essere stato il suo assassino. Le testimonianze a sostegno della tesi innocentista sono quelle della vigilessa Schembari, che coincide perfettamente con la versione dei fatti data da Veronica Panarello e quella della signora Giovanna Portelli, che ha parlato di un'auto grigia, la quale si sarebbe diretta verso la zona del "Mulino Vecchio", nei pressi del canale di scolo dove è stato rinvenuto il corpo del piccolo Andrea Loris Stival.

I migliori video del giorno

Nella lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, gli innocentisti s'interrogano sui motivi per i quali queste due testimonianze che scagionerebbero Veronica Panarello siano state scartate dagli inquirenti; nella lettera, inoltre, sono sottolineate alcune incongruenze delle indagini e si accusa la Magistratura per il suo comportamento disumano nei confronti della mamma di Andrea Loris Stival.