Le truppe ucraine stanno ritirando l'artiglieria dal fronte a Est, quindi attualmente sembra venga rispettato il cessate il fuoco stipulato a Minsk e destinato a entrare in vigore dal 15 febbraio. I militari hanno mostrato ai giornalisti sette o otto mezzi trainati dalla linea del fronte al villaggio di Paraskoviyvka, a Nord della roccaforte governativa di Artemivsk. Già in precedenza si era notato un grande fermento, con un convoglio di 30-40 veicoli di artiglieria pesante e mezzi corazzati che aveva lasciato il fronte.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Questa mossa rappresenta il primo importante passo con il quale si riconosce che la tregua è stata davvero rispettata, una settimana dopo aver subito una delle peggiori sconfitte della guerra per mano dei ribelli separatisti, che inizialmente avevano lanciato un'imponente offensiva, ignorando il cessate il fuoco.

I ribelli separatisti filo-russi, che hanno aderito alla tregua dopo l'ultima proficua controffensiva, hanno arretrato le armi pesanti per due giorni, ma Kiev aveva fino ad ora temporeggiato nell'attuare la ritirata, sostenendo che i combattimenti non erano ancora cessati. Tuttavia Giovedì l'esercito non ha riportato caduti al fronte per il secondo giorno consecutivo, ed è la prima volta, dopo il cessate il fuoco, che le truppe non hanno riportato perdite. La tregua quindi è iniziata.

Il ritiro dell'artiglieria è il secondo punto dell'accordo di pace raggiunto a Minsk, quindi implicitamente ciò sta a significare che la "fase uno" dell'accordo è stato già riconosciuta da entrambe le parti. Oggi l'Ucraina ha iniziato a richiamare l'artiglieria con munizioni da 100 mm dalla linea del fronte", così afferma il portavoce dell'esercito in un comunicato, aggiungendo che questa mossa sarebbe monitorata dall'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ma "in caso di tentativi di offensive nemiche", avrebbero sospeso le manovre di ritirata.

I migliori video del giorno

Alcuni corrispondenti hanno affermato di non aver udito colpi di artiglieria a Donetsk, confermando così la tregua in atto.