Prosegue la girandola di novità riferita al caso di Yara Gambirasio, la ragazzina di Brembate di Sopra brutalmente assassinata nel lontano 2010. Le ultime news aggiornate ad oggi 15-04 si concentrano in modo particolare sulla testimonianza di un uomo, Basilio Scotti, che potrebbe aver visto il presunto killer Massimo Bossetti aggirarsi nei pressi del luogo dove venne ritrovato il corpo della piccola Yara qualche mese dopo il suo rinvenimento. Il racconto di Scotti, che analizzeremo più in là, non sembra avere particolare rilievo ai fini della indagini ma certo aggiunge un carico emotivo non indifferente al cumulo di prove raccolte contro il Bossetti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Dopo svariati mesi di silenzio sono tornati a parlare anche i genitori della piccola Yara Gambirasio, con il padre Fulvio ad aver annunciato l'istituzione di una Onlus in memoria della figlia.

Sia lui che Maura, la moglie, hanno sempre vissuto il proprio dramma in privato, lontano da telecamere e stampa. Una ferita la loro che continua a sanguinare a pochi giorni dall'avvio del processo che potrebbe scrivere la parola fine sull'intera vicenda.

Yara Gambirasio, news oggi 15-04: Bossetti, il sorriso e la Onlus, processo imminente - Udienza preliminare alla fine di aprile

Come sottolineato in apertura, le ultime notizie sull'omicidio di Yara Gambirasio aggiornate ad oggi 15 aprile si soffermano sul racconto di Basilio Scotti, pensionato bergamasco testimone di una scena destinata a far discutere. Qualche mese dopo il ritrovamento di Yara il signor Scotti si recò presso il campo di Chignolo d'Isola - il luogo dove la ragazzina fu lasciata a morire fra gli stenti - con l'intento di rendere omaggio alla memoria della piccola defunta. Sul posto erano presenti altre persone giunte per commemorare Yara tra cui una famiglia composta da un uomo e tre bambini. Scotti ricorda perfettamente di essersi recato dai due coniugi per conversare con loro e alla fine di una chiacchierata che potremmo definire di routine si lasciò scappare una frase particolare: 'Chissà chi è stato, chissà se lo prenderanno mai'. Non appena ascoltate queste parole, il suo interlocutore cambiò espressione abbozzando un sorriso beffardo che lasciò di sasso il signor Scotti. L'uomo non è certo al cento per cento di aver parlato proprio con Massimo Bossetti ma si dice abbastanza sicuro della cosa. Un episodio che se confermato si commenterebbe da se.



Le ultime news sull'omicidio di Yara Gambirasio aggiornate ad oggi 15-04 si concentrano infine sulle dichiarazioni rilasciate dal padre della vittima, Fulvio Gambirasio, che ha ufficialmente fondato una Onlus in memoria della figlioletta scomparsa. L'associazione avrà il compito di sostenere una delle grandi passioni che aveva Yara, la ginnastica artistica, un modo per non dimenticarla e per continuare a far vivere il suo ricordo dentro i cuori di ciascuno degli appartenenti alla comunità bergamasca teatro della tragedia. Si avvicina intanto la data dell'udienza preliminare in vista del processo che vedrà imputato Massimo Bossetti con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. La prima seduta si terrà il 27 aprile: se desiderate rimanere aggiornati sugli sviluppi vi invitiamo a cliccare il tasto 'Segui' in alto a destra.