Tensione alle stelle tra Libia E Turchia: guidato dal generale Khalifa Haftar, l'esercito libico, attraverso il portavoce Mohamed Hejazi, conferma di aver attaccato un mercantile turco davanti alle coste di Tobruk per aver violato l'ordine di non avvicinarsi alla città di Derna, parzialmente sotto il controllo delle milizie dell'Isis.

Il bombardamento ha causato la morte di un ufficiale e numerosi feriti tra i membri dell'equipaggio; In seguito, mentre cercava di allontanarsi, la nave cargo è stata nuovamente attaccata dal cielo.

Pubblicità

La nave, il cui nome è Tuna-1 e battente bandiera delle isole Cook, trasportava cartongesso caricato in Spagna e al momento dell'attacco si trovava a 13 miglia nautiche dalle coste libiche. Successivamente, pur essendo in fiamme, il cargo ha continuato la navigazione e attualmente si troverebbe in mare.

Fonti libiche: colpita per aver violato l'embargo su Derna

Fonti militari libiche riferiscono che la nave, pur essendo stata preventivamente avvisata del pericolo cui andava incontro, è stata bombardata nelle acque territoriali libiche nei pressi del porto di Derna, città califfato dell'Isis, per aver violato l'embargo imposto dall'esercito in questa regione.

Dura protesta da parte di Ankara

Attraverso un comunicato ufficiale, il ministro degli Esteri di Ankara "condanna fortemente questo spregevole attacco che ha preso di mira una nave civile in navigazione in acque internazionali" e, seppur non specificando gli autori del bombardamento, li "maledice" vivamente.Ricorda inoltre che, in base alle norme di diritto internazionale, il paese avrebbe diritto ad un risarcimento.

Il premier libico Abdullah Al Thani il passato mese di Febbraio aveva interrotto le relazioni diplomatiche con la Turchia, accusandola di dare sostegno ai gruppi ribelli islamici attraverso la fornitura di armi e cacciando dal paese tutte le aziende Turche; Cosa che aveva irritato non poco il governo di Ankara, che di conseguenza aveva richiamato in patria il suo ambasciatore in Libia.

Pubblicità