Negli ultimi giorni le cronache hanno trattato costantemente la vicenda di Domenico Maurantonio, studente di Padova morto in circostanze molto singolari, mentre alloggiava in albergo a Milano. Il ragazzo è caduto dal quinto piano e non ha avuto scampo. Sull'esatta dinamica si sono formulate diverse ipotesi in fase di verifica. La prima ipotesi è stata quella di un suicidio, che si è presto rivelato improbabile, visto che stiamo parlando di un giovane senza particolari disagi, che andava bene a scuola e aveva tanti interessi. Si è presa poi in considerazione la possibilità di un incidente, presto tramontata in considerazione dell'altezza del davanzale del balcone dal quale il ragazzo è caduto. C'è poi una terza e drammatica possibilità e cioè che Domenico sia rimasto vittima di un gioco molto pericoloso tra amici.

Caduta verticale

Per gli investigatori Maurantonio è precipitato "a piombo" e cioè in linea parallela alla parete.

C'è anche la concreta possibilità che gli slip del giovane, rinvenuti vicino a lui, siano stati lanciati dalla finestra quasi a liberarsi di una prova scomoda di qualcosa di molto anomalo accaduto su quel piano del "Leonardo da Vinci". Gli inquirenti danno tanta importanza a un ematoma su un braccio di Domenico Maurantonio che lascia supporre una stretta molto robusta. Perché qualcuno ha stretto con vigore il braccio di Maurantonio quella notte?

Aumentano i sospetti di una "bravata"

Cosa stavano facendo i giovani in gita a Milano? La sensazione è che l'esame del dna ci potrà aiutare a capire molte cose, ma il sospetto è che Domenico sia stato trattenuto pericolosamente per un braccio mentre era in una posizione molto pericolosa o che qualcuno abbia provato a salvarlo in un gesto disperato e vano quando ha capito che stava per perdere l'equilibrio in modo fatale.

I migliori video del giorno

Parenti ed amici del 19enne patavino aspettano con ansia qualche elemento di valutazione in più per capire com'è possibile che un giovane come tanti perda la vita mentre è in vacanza scolastica e cioè in un'occasione di svago che non dovrebbe presentare problemi particolari.