Il padre e la madre di Domenico Maurantonio sono decisi ad andare fino in fondo nella vicenda della scomparsa del giovane figlio. È un autentico giallo la morte dello studente caduto da un balcone d'albergo senza gli indumenti intimi addosso. Già dover rispondere a una domanda surreale come: "Perché un ragazzo cade da una finestra al 5° piano in gita senza l'intimo adosso?" dà la misura della particolarità di tale situazione. I funerali sono già stati celebrati. Resta da ricostruire la dinamica della caduta.

Per la madre non aveva particolari problemi esistenziali

Si è parlato di un possibile suicidio determinato da una crisi sentimentale ma la mamma di Domenico Maurantonio smentisce con decisione tali affermazioni.

Domenico aveva un legame da alcuni anni e non risultano problemi di coppia tali da giustificare un gesto inconsulto. Trapelano intanto alcune testimonianze dei compagni di stanza, che hanno spiegato di avere "alzato il gomito". Domenico secondo la madre era astemio. La donna lo descrive come un giovane studioso e appassionato di musica e precisamente di chitarra, come tanti ragazzi della sua età. Sarebbero state trovate feci nel corridoio dell'hotel ma questa notizia è in attesa di definitive conferme.

Una ricostruzione non facile

La prima domanda che dobbiamo farci è: "Perché il ragazzo era in corridoio? Era stato chiuso fuori dalla camera dai colleghi in vena di scherzi?". Ammesso e non concesso che le cose siano andate così, perché Domenico a un certo punto cade dal balcone visto che il davanzale era abbastanza alto?

Quest'ultimo particolare ci porta ad escludere l'ipotesi di un malore. In questi giorni sono corse voci su uno scherzo tra amici finito male ma a dire il vero sembra inverosimile che i colleghi di stanza possano essere stati tanto cinici da essere tornati a dormire come se nulla fosse accaduto, vista la gravità dei fatti. I genitori dello studente di Padova ora vogliono la verità.

Nelle prossime settimane ne sapremo sicuramente di più in merito a questa storia.



Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!