Arrivano novità degne della massima considerazione il 30 maggio 2015 relativamente alla triste vicenda in cui perse la vita la tredicenne Yara Gambirasio di Brembate (Bergamo). C'è un uomo che risponde al nome di Ilario Scotti che ha un ruolo decisamente delicato, in quanto è colui che ebbe in sorte di scoprire il corpo di Yara nel campo di Chignolo dove era stata abbandonata al suo destino.



Per l'autopsia Yara Gambirasio perì per ipotermia durante le ore notturne e dunque a causa del freddo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Sul suo corpo furono rilevate ferite da arma da taglio e proprio queste ferite hanno avuto un ruolo decisivo, visto che ne hanno causato l'impossibilità di sottrarsi al suo destino ormai segnato.

Quanto peseranno le parole di Scotti?

Ilario Scotti ora afferma di avere notato una figura maschile molto somigliante al carpentiere di Mapello Massimo Giuseppe Bossetti, che si trova in carcere con l'infamante accusa di avere ucciso Yara Gambirasio.

Scotti aveva scelto quella zona per provare il suo aereo radiocomandato, come altri appassionati con questo particolare hobby. Notò questa persona passare nella zona di Chignolo dando l'impressione di effettuare una sorta di sopralluogo o di essere alla ricerca di qualcosa. E' questo l'ennesimo indizio contro Bossetti ma per ora non ci sono prove certe della sua responsabilità penale relativa alla morte di Yara, come non ci sono prove che fosse proprio lui la persona vista da Scotti.

Il momento del ritrovamento

Scotti ha altresì rivelato di essersi imbattuto casualmente nel corpo di Yara credendolo un manichino prima di informare le autorità del macabro ritrovamento. Proprio mentre attendeva la volante della Polizia di Stato l'uomo vide qualcuno che somigliava a Bossetti (la certezza che fosse lui non c'è) transitare nell'area in automobile. Bossetti, sostenuto dalla moglie Marita Comi, continua a dichiararsi innocente. Il muratore sta in carcere in attesa di conoscere il suo destino. I suoi legali si dicono fiduciosi di riuscire a dimostrare la sua piena estraneità ai fatti contestati.